Aggiornamenti COVID-19

Consigli per viaggiare in sicurezza
Coppia in un

Gite gastronomiche che piacciono a noi spagnoli

none

Agli spagnoli piace molto mangiare bene e nel nostro paese vi sono destinazioni perfette per gli amanti della buona gastronomia. Luoghi che solo per le loro tradizioni culinarie e le loro ricette meritano un viaggio. Oltre alle gustosissime tapas da assaggiare in tutta la Spagna, presentiamo 17 idee di viaggi foodie.

  • Enoteca Marques de Riscal

    Degustazione di vini a La Rioja e a La Rioja Alavesa

    I vini di questa zona della Spagna settentrionale sono tra i più rinomati al mondo, pertanto iscriversi a una degustazione in una delle cantine locali è garanzia di una buona esperienza. Troverai piccole cantine familiari e suggestivi edifici all’avanguardia come Marqués de Riscal o Ysios. La cultura del vino è così importante qui che, oltre alla degustazione, è possibile praticare molte altre attività come lo yoga tra i vigneti e osservare le stelle, fare passeggiate a cavallo, voli in mongolfiera, itinerari in segway ecc.

  • Gilda

    Provare i pintxos a Donostia-San Sebastián

    Entrare nei diversi bar di questa bellissima città e trovare banconi pieni di pintxos è uno spettacolo culinario. Probabilmente avrai sentito parlare delle tapas spagnole. Ebbene i pintxos sono simili, solo che sono tipici dei Paesi Baschi: il cibo viene posto su un pezzo di pane e fermato con uno stuzzicadenti, anche se nascono sempre nuovi modi originali di presentarli. Prova le diverse combinazioni, fredde o calde. Alta cucina in miniatura! E come bevanda di accompagnamento? Un vino txakoli, uno zurito (piccolo bicchiere) di birra o un sidro. Ecco una lista dei 99 migliori pintxos di Donostia – San Sebastián selezionati da 11 cuochi della zona insigniti delle Stelle Michelin.

  • Agnellino

    Gustare l'agnello da latte ad Aranda de Duero

    Il periodo migliore per farlo è il mese di giugno, nelle Giornate gastronomiche dell’agnellino arrosto, in cui i ristoranti di Aranda (a Burgos, Castiglia e León) propongono menù a base di prodotti del territorio con la possibilità di visitare, inoltre, le particolari cantine sotterranee. Infatti questa zona è conosciuta anche perché si trova nella Ribera del Duero, i cui vini vantano una fama più che meritata. Un altro piatto tipico di carne emblematico di Castiglia e León? Il maialino da latte di Segovia.

  • Vigneti a Lanzarote

    Un vulcano nel tuo bicchiere?

    Non spaventarti, ci riferiamo ai vigneti tipici di La Geria, a Lanzarote, un’isola delle Canarie di origine vulcanica. Lì si producono degli originali vini vulcanici bianchi e dolci, dato che le viti crescono in piccole buche preparate dagli agricoltori nella ghiaia vulcanica. Molti di questi vini, come le malvasie, sono stati premiati su scala internazionale. A proposito, sapevi che si dice che Shakespeare alluda a questo tipo di vino in molte delle sue opere?

  • Calçotada

    La gustosa calçotada

    Questa tradizione culinaria ultracentenaria tipica della Catalogna consiste nel mangiare con le mani i calçots intinti nella salsa salvitxada e trascorrere piacevoli momenti in compagnia degli amici. Cosa sono i calçots? Una varietà di cipolla dolce, allungata e bianca che si mangia cotta alla brace in un modo molto particolare (esistono persino degli appositi bavaglini per non sporcarsi!). Il miglior itinerario gastronomico per gustare i calçots deve passare obbligatoriamente per Valls (Tarragona), possibilmente l’ultima domenica di gennaio durante la Gran Fiesta de la Calçotada. Se provi questa tradizione sicuramente finirai per macchiarti, ma sarai felice.

  • Queimada

    Uno scongiuro galiziano contro i malefici

    È quello che si pronuncia prima di bere la queimada, una bevanda di acquavite preparata con un particolare rituale che ha lo scopo di allontanare gli spiriti maligni. Il liquido viene bruciato e mescolato con un mestolo. Mentre le fiamme ardono si recita lo scongiuro a voce alta. Ti invitiamo a vivere quest’esperienza in qualunque locale galiziano che la organizza. Se c’è un’altra cosa che non può mancare in Galizia è il suo piatto più emblematico: il pulpoá feira, a base di polpo cotto e spolverato di paprica, normalmente accompagnato da cachelos (patate lesse con la buccia) e una spruzzata di olio d’oliva.

  • Sidreria

    L’unico sidro al mondo che si mesce dall’alto

    È quello delle Asturie. Lì il sidro si serve con una tecnica particolare (detta escanciar), ovvero, alzando in alto la bottiglia con una mano e versando il liquido in un bicchiere sostenuto con l’altra. Il modo migliore per godere di questo “rituale” è durante una espicha o cena tipica. E, già che sei nelle Asturie, non puoi andartene senza assaggiare la fabada e il cachopo. Piatti ricchi e deliziosi!

  • Mercato della Boquería a Barcellona

    Andiamo al mercato?

    I vecchi mercati trasformati in gastro-mercati sono sempre più comuni in Spagna con proposte culinarie innovative. Questa volta consigliamo uno dei più emblematici, quello della Boquería, in pieno centro a Barcellona, molto consigliabile se si visita la città. Racconta la storia che nel XIII secolo in questa zona erano già presenti bancarelle di vendita all’aperto, sebbene il mercato sia stato inaugurato ufficialmente nel 1840. Oggi, oltre a trovare bar e ristoranti che cucinano i prodotti del mercato, è possibile prenotare attività come lezioni di cucina spagnola, lezioni di tapas e vini catalani o degustazioni enogastronomiche.

  • Espetos a Malaga

    L’”arte” delle sardine infilzate nella Costa del Sol

    Dal XIX secolo questo modo di preparare, servire e provare il pesce in questa zona dell’Andalusia crea una vera e propria dipendenza. Anche se è possibile trovare questo piatto nei ristoranti, è tipico mangiare gli espetos nei chiringuitos in riva al mare. Cos’è un espeto? Consiste nell’infilzare le sardine nelle canne e cucinarle alla brace all’aperto in barche sulla spiaggia. Ovviamente, un espeto appena cotto si mangia senza forchetta e coltello!

  • Cocido nel Parador de Chinchón, Comunità di Madrid

    Combattere il freddo con il cocido

    Esistono moltissime varietà di questo piatto tipico spagnolo: quello lebaniego della Cantabria, quello maragato di León, il pote asturiano... In questa occasione vogliamo concentrarci su quello alla madrilena, famoso perché servito in “tres vuelcos” (tre portate): zuppa, ceci e verdure e, infine, carne. Inoltre, tra febbraio e marzo in tutta la Comunità di Madrid si celebra la Ruta del Cocido Madrileño che coinvolge numerosi ristoranti.

  • Formaggio Manchego

    Formaggio Manchego, unico al mondo

    Andare in Castiglia-La Mancia e tornare con un formaggio come sfizio è qualcosa di praticamente inevitabile. Il formaggio manchego è una delicatessen con una stagionatura che varia da un mese a due anni. Questo formaggio è prodotto in tre varietà: tenero, semistagionato e stagionato. Per addentrarsi in questo mondo si consiglia di visitare i caseifici della zona.

  • Oliveto a Sierra Magina, Jaén (Andalusia)

    Un mare di ulivi a Jaén

    Sapevi che la provincia di Jaén, grazie agli oltre 60 milioni di ulivi presenti nel suo territorio, produce il 20% della quantità di olio mondiale? L’olio caratterizza i paesaggi, la gastronomia e persino la cultura di questa provincia. Per questo, oltre ad assaporare l’olio extravergine di oliva della zona, è possibile vivere svariate esperienze come visitare frantoi, partecipare a degustazioni con abbinamenti, visitare musei e centri di interpretazione dell’olio, passeggiare tra gli olivi o dormire in case rurali come i casolari.

  • Amici che mangiano la paella

    Paella valenciana in riva al mare a Valencia

    Non c’è paella più buona di quella originale valenciana! E qual è il posto migliore per gustarla? In riva al mare, in uno dei ristoranti con tavoli all’aperto sul lungomare. Un'altra scommessa sicura è avvicinarsi alla zona di El Palmar, famosa per la paella e per la posizione nel cuore delle risaie dell'Albufera. Per rendere più interessante l’esperienza dopo il pranzo si può fare un giro in barca per la laguna del Parco naturale di La Abufera o partecipare a un’escursione di un giorno all’orto o iscriversi a un corso di cucina di paella.

  • Prosciutto iberico denominazione d

    Itinerario del Prosciutto Iberico in Estremadura

    In Spagna esistono diversi itinerari che permettono di assaporare il prosciutto iberico, ma uno dei luoghi più famosi è l’Estremadura. In questa regione si organizzano attività come visite agli essiccatoi, degustazioni, trekking per la prateria della zona... Una curiosità: nella località di Monesterio si festeggia a settembre la Giornata del prosciutto, con degustazioni popolari, concorsi di maestri di taglio del prosciutto, ecc.

  • Zuppa di aragosta

    La migliore zuppa di aragosta a Minorca

    La buonissima specialità di quest’isola mediterranea caratterizzata da cale color turchese è la zuppa di aragosta. È possibile gustarla in diversi posti di Minorca ma la località di Fornells rappresenta il “tempio” di questa ricetta. Nella maggior parte dei ristoranti della zona è necessario prenotare per poterla gustare. Che cosa aspetti? Un altro consiglio: in serata recati nell’emblematica Cova d’en Xoroi, dove, oltre a provare qualche piatto o vino, godrai di vedute incredibili sul mare.

  • Venditore di castagne davanti al monumento Metropol, a Siviglia

    Castagnata di Ognissanti

    Castanyada in Catalogna, amagüestu nelle Asturie, magosta in Cantabria, gaztainerre nei Paesi Baschi, chaquetía in Estremadura, magosto in Galizia… Malgrado abbia diversi nomi, tutte queste feste hanno in comune il giorno di Tutti i Santi, il 1° novembre. Si arrostiscono castagne in una festa collettiva, si distribuiscono altri prodotti come la torta di castagne, il sidro o il cioccolato e si organizzano svariate attività come la musica dal vivo.

  • Fratelli Roca in una foto promozionale del loro ristorante Cerler de Can Roca

    E per finire... un capriccio stellato

    Anche se prenotare un tavolo in alcuni dei ristoranti spagnoli con 3 stelle Michelin spesso può risultare complicato, vale la pena permettersi questo capriccio perché cuochi prestigiosi come Dabiz Muñoz, i fratelli Roca, Martín Berasategui o Arzak sono capaci di creare incredibili universi culinari. 

Scopri di più su...