Aggiornamenti COVID-19

Consigli per viaggiare in sicurezza
Veduta di Siviglia al tramonto

Itinerario di 7 giorni in Andalusia

andalusia-automobile

Percorri l’Andalusia

Stai pianificando un viaggio nel sud della Spagna per le tue prossime vacanze? Non sai qual è l’itinerario migliore? L’Andalusia è la seconda regione più estesa del Paese (da un estremo all’altro vi sono circa 600 chilometri), pertanto ti consigliamo un soggiorno di almeno una settimana per poter visitare le città più famose.Preparati ad ammirare paesi bianchi meravigliosi, visitare palazzi dell'architettura islamica, salire su cattedrali e fortezze, scoprire gli scenari del “Trono di spade” e di “Star Wars”, sperimentare la passione per il flamenco, assaporare tapas e vini come il Jerez e conoscere persone sempre allegre. Per percorrere l'itinerario al ritmo che preferisci, la cosa migliore è viaggiare in automobile. Ti aspetta una settimana appassionante!

1° giorno Malaga

Ti proponiamo di iniziare da Malaga, in piena Costa del Sol, che offre diversi collegamenti aerei internazionali.

La mattinata nel centro storicoDopo una buona colazione in Plaza de la Constitución, la prima tappa potrebbe essere la Santa Chiesa Cattedrale Basilica dell'Incarnazione, nota anche come “La Manquita”, visto che la torre sud è incompleta. Visitando la cattedrale, potrai salire sui tetti e contemplare la città dall’alto. Successivamente, ti consigliamo di raggiungere il Teatro Romano e la Alcazaba, un palazzo fortificato costruito dai governanti musulmani.Come vedrai, in questa zona sorge anche un castello, quello di Gibralfaro, al quale è possibile arrivare prendendo la linea 35 di autobus che parte dalla Alameda Principal. Proprio qui si trova uno dei migliori belvedere della città, da cui potrai ammirare la costa.Pomeriggio nei musei e shopping in Calle LariosPer pranzo, potrai recarti in uno dei locali più emblematici della città, come El Pimpi, e provare l’insalata russa, il “flamenquín” iberico, la “pringá”… Dopodiché, ti suggeriamo di dedicare il pomeriggio ai musei cittadini, ad esempio il Carmen Thyssen o il Museo Picasso. Sapevi che questa è la città di nascita del famoso pittore? È infatti possibile visitare anche la casa natale e altri luoghi legati alla vita dell'artista.Se hai voglia di shopping, la cosa migliore è fare una passeggiata nella famosa Calle Larios, vivacissima e piena di negozi. Tramonto al portoTi invitiamo a trascorrere il resto del pomeriggio nella spiaggia della Malagueta, dove, se le temperature lo permettono, potrai fare un bagno. Altrimenti, una passeggiata lungo il Palmeral de las Sorpresas ti porterà fino all’area del porto, conosciuta con il nome di Muelle Uno. Qui troverai il famoso cubo colorato del Centro Pompidou e, camminando ancora, giungerai alla Farola, un antico faro i cui lavori di costruzione terminarono nel 1816. Sono moltissimi i negozi e i ristoranti dove potrai concludere nel migliore dei modi la giornata. Da questo luogo, è possibile ammirare i tramonti più affascinanti della città.

2° giorno Ronda

Ti consigliamo di noleggiare un’automobile nella città di Malaga per il resto del viaggio. A un’ora e mezza ti aspetta Ronda, uno dei luoghi più sorprendenti e fotografati dell'Andalusia.

Spostamento: In automobile

Vedute su un ponte alto 98 metriAnche se la via più breve per raggiungere Ronda è da nord (strade A-357 e A-367), potresti allungare un po’ il tragitto passando da sud e fermarti a Marbella, famosa per le spiagge, i porti turistici, i negozi di lusso e i ristoranti di alto livello come quello dello chef Dani García.Una volta a Ronda, non potrai non fare una visita al Ponte Nuovo sul Tago, alto 98 metri e costruito tra il 1751 e il 1793 su un burrone davvero impressionante. Quali sono gli altri luoghi interessanti di Ronda? La Plaza de Toros (una delle più antiche della Spagna), la Alameda del Tajo (una bella passeggiata con un meraviglioso belvedere), i giardini del Palazzo del Re Moro, i Bagni Arabi… A proposito, un giro di tapas nei bar di Ronda è altamente consigliato.Possibile escursione pomeridianaL'atmosfera che si respira a Ronda quando le strade cominciano a illuminarsi è molto romantica, ma se vuoi approfittare del pomeriggio per visitare un altro posto, ti proponiamo i tipici paesi bianchi di Cadice. Ad esempio, Setenil de las Bodegas dista soltanto mezz’ora in automobile ed è sorprendente, in quanto le case sono incastonate nella montagna, nella gola creata dal fiume nella roccia. Un luogo stupendo da fotografare!Un altro paese bianco interessante? Arcos de la Frontera, a poco più di un’ora da Ronda. È situato su una roccia e le sue casette bianche, le vie strette e ripide e gli impressionanti belvedere conquistano sempre tutti. La vera essenza dell'Andalusia.

Ronda al tramonto, Malaga

3° giorno Jerez de la Frontera e Cadice

A circa mezz’ora da Arcos de la Frontera si trova Jerez de la Frontera, il luogo ideale per inoltrarsi nel mondo del cavallo andaluso.

Spostamento: In automobile

Regia Scuola Andalusa di Arte EquestreHai mai visto da vicino un cavallo di pura razza spagnola? Questa scuola organizza visite tematiche per poter assistere all’allenamento dei fantini con i cavalli e mette in scena lo spettacolo “Come ballano i cavalli andalusi”, un autentico balletto equestre nel quale si utilizzano i costumi tipici del XVIII secolo. Un’altra cosa che rende famosa Jerez è l’Itinerario del Vino e del Brandy, quindi approfittane e partecipa a una degustazione organizzata da una delle enoteche locali.Pomeriggio a CadiceSe non sei troppo stanco, vale la pena andare a visitare Cadice, a poco più di mezz’ora. Ci avviciniamo alle acque dell'Atlantico, quindi, se il tempo lo permette, puoi fare anche un bagno. L’alternativa può essere passeggiare per la città, considerata la più antica dell'Occidente. Ti affascineranno il quartiere della Viña, il quartiere del Pópulo (il più antico della città), la Cattedrale… Ti invitiamo poi a provare la frittura di pesce sulla spiaggia di La Caleta, dove potrai anche assistere a un tramonto davvero indimenticabile. La luce di Cadice è magica.

Fiera del Cavallo a Jerez

4° giorno Siviglia

Ecco uno dei “piatti forti” dell'itinerario. La capitale dell'Andalusia si contraddistingue per diversi monumenti dichiarati Patrimonio dell'umanità e un fascino che la rende una delle città più belle di Spagna. Potrai raggiungerla in meno di un’ora e mezza da Cadice. Ti consigliamo, se ti è possibile, di prolungare il soggiorno e dedicare a questo luogo almeno due giorni.

Spostamento: In automobile

Cattedrale, Giralda e Real AlcázarIl punto perfetto per cominciare è Plaza del Triunfo. Qui si erge l’imponente Cattedrale, uno dei templi cristiani più grandi del mondo, che custodisce la tomba di Cristoforo Colombo. Alza lo sguardo verso la torre della Giralda, che, con i suoi quasi 100 metri di altezza, ai tempi si guadagnò il titolo di torre più alta del mondo. La buona notizia è che potrai salire in cima a quello che rappresenta il simbolo più conosciuto di Siviglia.Proprio di fronte è situato il Real Alcázar, un complesso di palazzi abitato in antichità da re di varie epoche, con giardini che sembrano essere usciti da una fiaba, dove vorresti che il tempo si fermasse... Se sei un fan del “Trono di spade”, sappi che ti trovi nel Palazzo del Regno di Dorne.Quartiere di Santa Cruz e Plaza de EspañaIn termini di cibo, nessun quartiere è come quello di Santa Cruz, dove potrai percepire l'essenza della città e rimetterti in forze. Vicoli stretti, piazze dove rilassarsi, bar che offrono tapas tipiche come gazpacho, patate “aliñás”, “menudo sevillano”, uova alla “flamenca”, “adobo”…Nel pomeriggio, ti proponiamo di visitare Plaza de España, costruita per l’Esposizione Iberoamericana del 1929 e secondo molti la piazza più bella di sempre. Sapevi che qui hanno girato una scena di “Star Wars”? Proprio accanto si trova il Parco di María Luisa. Che ne dici di visitarlo a bordo di una carrozza? Triana per cenaSulle rive del fiume Guadalquivir sorge un altro simbolo di Siviglia: la Torre dell'Oro, che è ancora più bella quando è illuminata. Al Muelle de Nueva York potrai sorseggiare un cocktail per stuzzicare l’appetito. Camminando poi per circa 15 minuti, giungerai al ponte di Triana. Dall’altro lato del ponte, ti aspetta uno dei quartieri più caratteristici di Siviglia, quello di Triana, dove potrai terminare la giornata e cenare in una delle terrazze con vista. Se ne hai voglia, l’ideale è degustare tapas nei vari locali della città e stare in giro fino a dopo mezzanotte. A proposito, se decidi di visitare Triana nell’arco della giornata, approfittane per acquistare un souvenir in uno dei negozi di ceramica, dove potrai trovare i famosi “azulejos” in stile mudejar che decorano gran parte di Siviglia.Un’altra opzione da considerare prima di attraversare Triana è ammirare il tramonto dalle “Setas de Sevilla”, progetto dell'architetto Jürgen Mayer che consiste in una specie di piazza sopraelevata ideata come la struttura in legno più grande del mondo, da cui potrai godere del panorama dell'intera città. Un modo per scoprire la Siviglia più moderna. Dopodiché, puoi passare nuovamente alla tradizione assistendo a uno spettacolo serale di flamenco.

Veduta aerea del Metropol Parasol, Siviglia

5° giorno Cordova

Percorrendo circa 140 chilometri, da Siviglia si arriva a Cordova, altro luogo imperdibile dell'Andalusia, dove potrai visitare monumenti significativi come la Moschea-Cattedrale.

Spostamento: In automobile

Dentro a un “bosco” di colonneInevitabilmente, la giornata dedicata a Cordova non può non cominciare dal Ponte Romano e dalla visita all’interno della Moschea-Cattedrale, il monumento più importante di tutto l’Occidente islamico. Camminare tra le centinaia di colonne e arcate bicolori, così come affacciarsi sull’affascinante Cortile degli Aranci, è un’esperienza unica. Ci troviamo all'interno di una delle opere d’arte più impressionanti di sempre. Inoltre è possibile partecipare alla visita notturna della città, chiamata “L’anima di Cordova”.Da qui, puoi raggiungere l’Alcázar dei Re Cristiani e i suoi enormi giardini, dove camminare e rilassarti ascoltando il rumore delle fontane. È inoltre possibile visitare questo splendido monumento di sera assistendo allo spettacolo “Notti Magiche all’’Alcázar”.All’ora di pranzo, ti consigliamo di optare per una delle taverne della città per provare i piatti tipici di Cordova, come il “salmorejo”, il “flamenquín” o il “rabo de toro”. Piazze come quella di Tendillas o della Corredera offrono numerose proposte.Pomeriggio nel quartiere ebraico e alla scoperta dei cortili fioritiA questo punto, potrai percorrere senza fretta il labirinto di strade del quartiere ebraico e scoprire la Sinagoga, la Casa di Sefarad o Plaza Tiberíades. Naturalmente, non potrai andartene da Cordova senza esplorare i famosi cortili pieni di fiori e lasciarti trasportare dal loro profumo e dai loro colori. Il periodo migliore per visitare la città è maggio, in occasione del Festival dei Cortili, anche se in realtà puoi dedicarti a questa piacevole attività tutto l’anno.Cordova di seraPuoi concludere la giornata rilassandoti in uno dei famosi bagni arabi della città. E all’imbrunire, è possibile assistere allo spettacolo equestre “Pasión y Duende del Caballo Andaluz”, in scena nelle Scuderie Reali di Cordova.

Ponte Romano e interno della Cattedrale di Cordova

6° giorno L’Alhambra di Granada

L’ultima città che ti invitiamo a scoprire è Granada, a circa 200 chilometri da Cordova. Siccome in questo luogo si trova uno dei monumenti più belli del mondo, la Alhambra, e vorremmo che ti prendessi del tempo per visitarlo, ti proponiamo di dedicare a questa città due giornate.

Spostamento: In automobile

Alla scoperta dell'AlhambraEssendo un monumento molto gettonato, la prima cosa che ti raccomandiamo è prenotare i biglietti in anticipo. Conviene dedicare almeno mezza giornata alla visita di questo complesso di palazzi e giardini che in passato rappresentarono il potere della dinastia nazarí. Sono molte le cose da vedere e alcuni dei punti più famosi della Città Palatina sono: il Palazzo di Carlo V, il Cortile dei Leoni e l’iconica fontana, il Cortile delle Comari, la Sala delle Due Sorelle e la Toletta della Regina.Generalife e giardiniSe acquisti l’ingresso cumulativo per l’Alhambra, è inclusa la visita al Palazzo del Generalife, utilizzato dai re musulmani come luogo di riposo, e ai suoi incredibili giardini. Passeggiare in questo luogo è un piacere per tutti i sensi.Se vuoi esplorare questo monumento di sera, puoi partecipare a diverse modalità di visita notturna con un’illuminazione speciale.Pomeriggio rilassanteDopo una giornata intensa, puoi prendere qualcosa nel quartiere del Realejo, recarti in una delle sale da tè arabe nei pressi di Calle Calderería Nueva o in qualche hammam costruito sul sito originale, con vasche d’acqua a temperature differenti e varie proposte di massaggi. Di sicuro il corpo ne avrà bisogno...

Veduta dell

7° giorno Granada città

Anche se la visita all’Alhambra lascia sempre il segno, Granada regala molte altre emozioni, per questo ti consigliamo di dedicare alla città un’altra giornata.

Spostamento: In automobile

Passeggiata nel centro storicoIl centro storico di Granada è meraviglioso. Se vuoi verificare di persona, puoi iniziare la visita dalla Cattedrale e dalla Cappella Reale, dove sono sepolti i Re Cattolici. Puoi proseguire in Plaza Nueva per poi percorrere la graziosa via conosciuta come “dei Tristi” per la vicinanza al cimitero e parallela al fiume Darro.Per pranzo, ritieniti fortunato perché Granada offre alcune delle migliori tapas della Spagna e numerosi bar tra cui scegliere. Tramonto nel quartiere dell'AlbaicínUna passeggiata per i vicoli e le case tipiche di questo quartiere ti basterà per capire il motivo per cui, insieme all’Alhambra e al Generalife, è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità. Inoltre, da qui raggiungerai uno dei belvedere più affascinanti della Spagna, quello di San Nicolás. Sedersi qui al tramonto e contemplare il paesaggio con la Alhambra e le montagna della Sierra Nevada sullo sfondo, ascoltando il suono delle chitarre degli artisti di strada, è un momento magico. Cena e spettacolo di flamenco a SacromonteQuello di Sacromonte è forse il quartiere più curioso della città per le sue particolari case-grotta. Per scoprire di più sulla cultura e sullo stile di vita di questo quartiere così legato all’arte del flamenco, la cosa migliore è assistere a uno spettacolo nelle emblematiche “zambras”, affascinanti grotte che fanno da scenario. Questa è indubbiamente la ciliegina sulla torta di un viaggio tipicamente andaluso.

Carrera del Darro, Granada

Consigli e raccomandazioni

  • Per un viaggio in Andalusia più rilassante, ti consigliamo di prenotare un soggiorno di due settimane.
  • Se hai la possibilità di prolungare la vacanza, ci sono molto altri posti in Andalusia che meritano una visita, ad esempio la Alcazaba di Almería e il Cabo de Gata-Níjar ad Almería, le Città Patrimonio dell'Umanità di Úbeda e Baeza a Jaén, il Parco Nazionale di Doñana a Huelva (anche Siviglia e Cadice), Itálica a Santiponce (Siviglia), Medina Azahara a Cordova o il Caminito del Rey a Malaga.
  • Varie città andaluse sono collegate a Madrid e Barcellona e tra di loro tramite il treno ad alta velocità AVE. A tale scopo, potrebbe esserti utile il biglietto Renfe Spain Pass.
  • Se non vuoi noleggiare un’automobile, l’alternativa è scoprire questa zona della Spagna a bordo del treno Al-Andalus, un autentico palazzo su rotaie.
  • Nelle grandi città come Cordova e Siviglia è semplice spostarsi a piedi per raggiungere i principali luoghi di interesse e il centro storico.
  • Le temperature in Andalusia nel periodo estivo possono arrivare a essere abbastanza alte, pertanto ti suggeriamo di effettuare questo viaggio in primavera, anche se non è da escludere nel resto dell'anno.
  • Se viaggi in estate, ti consigliamo di prenotare in anticipo gli alloggi, i tour e i biglietti di ingresso ai monumenti più famosi.
  • Condividi il tuo viaggio con l’hashtag #AndaluciaRoadTrip e raccontaci com’è andato!