Travel Safe

Consigli per viaggiare in sicurezza Ultime notizie
Caminito del Rey a Malaga, Andalusia

Caminito del Rey

Malaga

Málaga

Quello che era il sentiero più pericoloso del mondo


Questo percorso lungo quasi 8 chilometri nella zona di Malaga (Andalusia) arrivò a essere considerato uno dei più pericolosi del mondo. Il percorso oggi è nuovamente agibile e, sebbene sia più sicuro, una cosa non è cambiata: l'esperienza unica di camminare su passerelle costruite su gole a oltre 100 metri d'altezza. Il panorama è stupendo. Il percorso del Caminito del Rey è spettacolare dall’inizio alla fine, sviluppandosi tra gole, canyon e una grande valle. Attraversa i paesaggi dello scenario naturalistico Desfiladero de los Gaitanes, scavato dal fiume Guadalhorce e con pareti che raggiungono i 700 metri di profondità. In questa zona vivono inoltre numerose specie vegetali e animali: con un po’ di fortuna, è possibile avvistare uccelli di altitudine come il capovaccaio, il grifone o l’aquila reale, o esemplari di cinghiale o stambecco. Per percorrere il Caminito è necessario acquistare i biglietti, che possono essere prenotati tramite la pagina web ufficiale.

Perché si chiama Caminito del Rey?

L’origine di questo particolare sentiero “aereo”, che rimane sospeso alle pareti della gola a circa 100 metri di altezza, risale agli inizi del XX secolo. Venne costruito tra le cascate del Gaitanejo ed El Chorro per facilitare il trasporto dei materiali e il passaggio dei lavoratori che si occupavano della manutenzione della centrale idroelettrica locale. Nel 1921, il re Alfonso XIII inaugurò questa grande opera attraversando il cammino fino alla diga del Conde de Guadalhorce, e da allora il tragitto cominciò a essere chiamato popolarmente “Caminito del Rey”.

Ponte sospeso del Caminito del Rey a Malaga, Andalusia

Com’è il percorso?

Il tragitto è lineare e si compie in senso unico discendente, da nord a sud, in parte su sentieri e in parte su passerelle. Sono 7,7 chilometri percorribili in circa 3-4 ore, dall’inizio situato nel comune di Ardales fino all’uscita nella località di Álora. L'area di accoglienza all’inizio dispone di un ristorante e varie aree di parcheggio, ed è anche la tappa finale dell’autobus navetta che collega gli accessi nord e sud dell’itinerario.  

Da questo punto partono i due sentieri che arrivano fino al casotto di controllo e alla diga di Gaitanejo, ingresso del percorso ufficiale del Caminito del Rey. Il più lungo si estende per 2,7 chilometri, partendo dal “Sillón del Rey”, un gruppo di panche, tavolo e trono in pietra che fu utilizzato da Alfonso XIII, oppure attraversando il tunnel accanto al ristorante. L’altro sentiero è più breve: sono 1,5 chilometri, che iniziano attraverso un tunnel più piccolo e pedonale situato circa 200 metri prima di arrivare al ristorante.Al casotto di controllo si fornisce ai visitatori un caschetto protettivo e si controlla che indossino le scarpe adeguate. Dal punto panoramico della diga di Gaitanejo è possibile osservare le case-grotta di Sierra Parda, utilizzate come abitazioni dal personale impiegato presso la centrale idroelettrica. Dopo aver raggiunto le passerelle, il percorso avanza lungo la gola di Gaitanejo e attraverso il canyon noto come Tajo de las Palomas, dove si trova il Puente del Rey. Il paesaggio cambia man mano che ci si avvicina alla valle del Hoyo, con i suoi boschi rigogliosi.

Passerelle del Caminito del Rey a Malaga, Andalusia

Successivamente, il cammino entra nello spettacolare Desfiladero de los Gaitanes tramite le passerelle “sospese” a oltre 100 metri di altezza. In questo tratto è possibile vedere, tra le altre meraviglie, una sabina centenaria che cresce tra le rocce, la cosiddetta “playa fósil”, che conserva varie tracce fossili giurassiche, oppure ci si può affacciare dal balcone di vetro che sporge dalla passerella, una sensazione di vertigini per i visitatori. Il sentiero avanza fino al tratto finale: dopo aver consegnato i caschetti al casotto di controllo, inizia un sentiero di 2,1 chilometri di discesa fino alla stazione ferroviaria di El Chorro.

Pianificare il ritorno

Essendo un tragitto lineare a senso unico, una volta terminato il percorso, bisognerà aggiungere il tempo di ritorno fino al punto di partenza (un’ora circa), per cui conviene pianificare bene gli orari e le distanze. 

Varie immagini del percorso del Caminito del Rey a Malaga, Andalusia © A sinistra: Amministrazione provinciale di Malaga / A destra: Pedro Giráldez

Se si arriva in automobile, la cosa più consigliata è lasciare la vettura in uno dei parcheggi adibiti e tornare in seguito, utilizzando gli autobus navetta che collegano l’accesso nord nella zona del bacino di Guadalhorce (Ardales) e l’accesso sud presso la stazione ferroviaria di El Chorro (Álora), in entrambi i sensi. L’altra opzione è tornare camminando, anche se in questo caso occorrerà tenere conto di fattori come la luce in base al periodo dell’anno e il meteo, essendo diversi chilometri per una stretta strada secondaria.Se si arriva in treno, dalla stazione ferroviaria El Chorro-Caminito del Rey, bisognerà prendere gli autobus navetta fino all'accesso nord per iniziare il percorso, per cui si dovrà considerare anche questa tempistica. Tuttavia, una volta concluso il Caminito, non si dovrà fare nient’altro che salire sul treno di ritorno. 

Consigli e raccomandazioni

Come arrivare

Sia la località di Ardales sia la stazione di El Chorro sono raggiungibili in automobile dalla città di Malaga (a circa 50 minuti), da Ronda (a circa 60 km) e da Antequera (a circa 55 km).

Per chi prende il treno, la stazione ferroviaria di El Chorro-Caminito del Rey consente di raggiungere città come Malaga, Siviglia e Ronda. 

Sulla pagina web ufficiale troverai consigli utili per il tragitto e informazioni sugli orari ufficiali e su come arrivare.

Da tenere in considerazione

Oltre alla visita generale che si effettua liberamente, è disponibile una modalità di visita guidata alla scoperta della storia, della geografia e della biodiversità della zona.

Si consiglia di portare con sé dell’acqua, qualche spuntino (cioccolato, frutta secca, frutta) o un panino per il pranzo. 

Le caratteristiche del percorso, tra pareti ripide, passerelle e ponti sospesi ad altezze elevate, causano inevitabilmente sensazioni di vertigini, per cui è sconsigliato alle persone che ne soffrono.

Sul totale del tragitto, 2,9 chilometri corrispondono alla distanza che c’è tra il casotto di controllo di ingresso alla passerella nord e quello di uscita dalla passerella sud. Il resto sono i chilometri di sentieri e strade forestali da percorrere tra le aree di accesso o di uscita e i casotti di controllo.

È presente un tunnel parallelo alle passerelle del Desfiladero de los Gaitanes, un'alternativa sotterranea al percorso all'aperto durante i giorni di pioggia o vento eccessivo, in cui potrebbero verificarsi frane. Il tunnel è lungo 300 metri circa, di cui 285 interni e 15 esterni presso la Valle del Hoyo.

Cos’altro si può fare?

Approfittando del fatto che ti trovi in questa zona ti raccomandiamo di visitare i territori di Guadalteba, Antequera e Valle del Guadalhorce. 

Se vuoi continuare con proposte di turismo attivo puoi rivolgerti a una delle imprese che organizzano attività acquatiche nei bacini vicini o fare ancora trekking percorrendo una delle tappe della Gran Senda di Malaga. 

Se invece preferisci qualcosa di più cittadino e culturale (o, se la stagione lo consente, un bel tuffo in mare), ricorda che la città di Malaga si trova a meno di 50 chilometri di distanza.

Cosa fare

Cos’altro vedere nelle vicinanze