Aggiornamenti COVID-19

Consigli per viaggiare in sicurezza
Turista all’Arco di Trionfo di Barcellona

Barcellona in due giorni

Barcelona

Un fine settimana in una delle città più famose del mondo

L’ampia offerta culturale e di svago rende Barcellona una delle città più visitate del mondo. Infatti, in qualità di bella destinazione cosmopolita, Barcellona offre praticamente qualsiasi tipo di attività. Se la visiti per la prima volta, è probabile che tu voglia sfruttare al massimo il fine settimana per vedere le cose fondamentali e immergerti nell’atmosfera della città per ritornarci di nuovo in futuro. In effetti, due giorni sono pochi per percorrerla, ma ci possiamo provare.

1° giorno

Il centro storico della città, la Barcellona marittima e i panorami dal Montjuïc sono alla base del nostro primo giorno a Barcellona.

Distanza:9.5Km

Una passeggiata per il centro storico

Di prima mattina iniziamo facendo colazione nella zona più incantevole di Barcellona, il quartiere Gotico (dove abbondano le pasticcerie e i negozi di cioccolata tradizionali!), per poi perderci tra i vicoli di quella che fu la Barcellona romana e medievale. Fai una passeggiata percorrendo e ammirando plaça del Rei, la Cattedrale, la chiesa di Sant Felip Neri, i palazzi della Generalitat e del Comune, o la chiesa di Santa María del Pi. Troverai angoli che sembrano usciti da una fiaba, come lo splendido Ponte del Bisbe che unisce la Generalitat alla Casa dels Canonges. Da qui è possibile accedere alla via più famosa della città: La Rambla, 1.200 metri che nessuna persona che stia visitando Barcellona dovrebbe perdersi. Bar all’aperto, artisti di strada, fioristi ed edicole ti accompagneranno nella tua passeggiata, durante la quale troverai anche alcuni luoghi molto conosciuti come il Mercato della Boquería (ti va di partecipare ad un workshop di cucina spagnola?), la plaza Real o il Gran Teatro del Liceu. Nel punto in cui La Rambla raggiunge il mare, si trova l’iconico Punto panoramico di Colom, dov'è possibile salire per vedere Barcellona dall’alto.

 Quartiere Gotico di Barcellona

Mangiare con vista mare e teleferica per il Montjuïc

Alla fine della Rambla si trova la zona nota come Port Vell (porto vecchio). Continuando a camminare sul Moll de la Fusta (molo di legno), è possibile vedere sculture contemporanee, barche attraccate, ecc., fino ad arrivare alla spiaggia di Barceloneta. Approfittane per prenotare un tavolo in uno dei ristoranti della zona specializzati in paella, fideuá e frutti di mare. Meglio ancora se è all’aperto, con vista mare. Nel caso faccia bel tempo e tu ne abbia voglia, potresti anche entrare un po’ in acqua.Se avanza tempo prima di cena e vuoi goderti delle vedute privilegiate sul porto e sulla città, un’alternativa per trascorrere il pomeriggio può essere quella di salire fino alla montagna di Montjuïc. Si può raggiungere facilmente dalla stazione di Paral·lel, con la funicolare e la teleferica. Si trovano lì il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna e la Fondazione Joan Miró.Se non disponi di molto tempo, è meglio fare una breve passeggiata per il bel Parco della Cittadella, il polmone verde di Barcellona.

Veduta della teleferica a Montjuïc, Barcellona

Fontana Magica e cena a El Raval o nel Born

Nel caso tu ti sia recato fino a Montjüic, dato che ti trovi in zona, di sera sicuramente ti piacerà lo spettacolo di luci, musica e acqua offerto dalla Fontana Magica di Montjuïc (a seconda del periodo dell'anno, si svolge tra le ore 20:00 e le 22:00).All’ora di cena, potresti andare al Born, un quartiere davvero bello e di tendenza dove si trovano altri punti forti della città, come il Museo Picasso o la Chiesa di Santa María del Mar. Senza dubbio perfetto per cenare e prendere il primo drink.

La Cattedrale del Mare a Barcellona
Tappe fondamentali

Cosa vedere


2° giorno

Il modernismo e, nello specifico, l’opera di Antoni Gaudí saranno i grandi protagonisti della nostra seconda giornata a Barcellona.

Distanza:9.5Km

Mattinata a Casa Batlló e La Pedrera

Possiamo iniziare il nostro itinerario dalla plaça de Catalunya, fare colazione con il tipico pa amb tomàquet (pane e pomodoro) e raggiungere in meno di dieci minuti Casa Batlló, nel cuore del passeig de Gràcia. Casa Milà, detta La Pedrera, si trova un po’ più avanti, in carrer de Provença. L’esterno di questi due edifici modernisti, ideati da Gaudí e dichiarati Patrimonio Mondiale dall’UNESCO, saprà catturare la tua attenzione. Se hai abbastanza tempo, ti consigliamo di visitarli anche all’interno per saperne di più sull’immaginazione e sulle forme impossibili di Gaudì.A tal proposito, per scoprire tutto sul modernismo catalano, ci si può iscrivere all’itinerario Barcelona Walking Tours Modernisme por el Quadrat d´Or. Visto che ti trovi già a passeig de Gràcia, approfittane per concederti uno sfizio e fare un po' di shopping, dato che qui si trovano alcuni dei marchi più esclusivi della città!

Casa Batlló

Sagrada Familia: l'icona indiscutibile di Barcellona

L’itinerario La Ruta Azul del Barcelona Bus Turístic ferma proprio di fronte a questo monumento dichiarato Patrimonio Mondiale dall’UNESCO del quale ti consigliamo di prenotare i biglietti in anticipo. Ci troviamo in un momento molto speciale del viaggio, poiché andiamo alla scoperta di un vero e proprio simbolo dell'architettura mondiale, nonché l’opera più conosciuta di Gaudí. Sebbene la sua costruzione sia ancora in corso da quando venne avviata nel 1882, (la conclusione dei lavori è prevista per il 2026), vale la pena salire fino in cima alle sue originali torri e contemplare la magnifica vista di Barcellona. Una curiosità: lo sapevi che Gaudí è sepolto proprio qui e che morì investito da un tram?

Interno della Sagrada Familia

Pranzo a Gràcia e Park Güell

La stessa Ruta Azul del Bus Turístic può lasciarci anche a Park Güell. Prima, però, è possibile fare una sosta nel quartiere di Gràcia per pranzare. Si tratta di una delle zone più carismatiche di Barcellona. Si dice che qui la vita sia molto “di quartiere”, con una bella atmosfera tra vicini di casa e in un contesto ricco di bar e ristoranti presenti qui da sempre, accanto ai quali hanno aperto negozi di nuovi stilisti e locali multiculturali.Dopo pranzo la cosa migliore è andare a fare una passeggiata per il Park Güell, anch’esso opera di Gaudí e Patrimonio Mondiale e uno dei migliori posti da cui ammirare il tramonto. Sicuramente ti verrà voglia di scattare delle foto sulla Scalinata del Drago, nella sala Hipóstila, con il panorama della città sullo sfondo. Il parco offre visite guidate in varie lingue della durata di 50 minuti che consentono di scoprirne tutti i segreti.

Park Güell a Barcellona

Cena gourmet

Se sei un amante della buona cucina, potresti concludere il viaggio in bellezza permettendoti lo sfizio di andare in uno dei ristoranti più noti della città, molti dei quali si trovano nella zona dell’Eixample: Lasarte, Moments, Caelis, Hofmann, Disfrutar, Cinc Sentits, Tickets, Via Veneto… ce ne sono molti tra cui scegliere. Altrimenti, puoi anche terminare la giornata nel Port Vell godendoti la brezza del Mediterraneo e divertendoti in qualche locale del Maremàgnum.

Veduta aerea del Passeig de Lluis Companys a Barcellona

Bonus track

È difficile riuscire a vedere in due giorni tutto ciò che c’è da visitare a Barcellona. Per questo, nel caso tu disponga di un po’ più di tempo (ad esempio, del venerdì pomeriggio, se arrivi per trascorrere un fine settimana completo), ci teniamo a consigliarti altri due luoghi leggermente più lontani dal centro, ma lo stesso molto interessanti.La prima opzione consiste nel prendere la funicolare che porta fino alla montagna di Tibidabo, dove si trova il luna park di Barcellona, l'ideale se viaggi con bambini. La seconda opzione, meno conosciuta, ma più originale, soprattutto per i più giovani, è quella di andare fino ai bunker del Carmel, considerato da molti il miglior punto panoramico di Barcellona, nonostante si trovi un po’ lontano. Le linee di autobus V17, 24, 92, 114 o 119 arrivano vicino, ma dovrai camminare per circa 10 minuti. È imprescindibile per vedere come al tramonto la città si vada illuminando poco a poco!Non dimentichiamoci però dei tifosi del calcio. Se oltre ai programmi culturali muori dalla voglia di vedere lo stadio del FC Barcelona da dentro, il Camp Nou Experience propone la visita al museo, alla zona dei trofei, alla galleria dei giocatori, alla zona stampa, ecc.

Monte Tibidabo a Barcellona
Tappe fondamentali

Cosa vedere