Travel Safe

Consigli per viaggiare in sicurezza Ultime notizie
Mucche che pascolano vicino al lago Ercina a Covadonga

Laghi di Covadonga, una meraviglia naturale delle Asturie nascosta tra le montagne

Principato delle Asturie

Nel cuore del Parco Nazionale dei Picos de Europa, a poco più di 20 chilometri dalla località di Cangas de Onís, si trovano i laghi di Covadonga. La loro vicinanza al meraviglioso Santuario di Covadonga e il fatto che appaiano come un miraggio in un bellissimo paesaggio di alta montagna li trasformano in un paradiso per gli amanti della natura. Vi si arriva facilmente su strada e nelle prossimità vi sono diversi itinerari da percorrere. Qualora tu sia un appassionato di alpinismo o semplicemente un viaggiatore alla ricerca di panorami indimenticabili, questo è uno di quei luoghi della Spagna Verde che devi visitare almeno una volta nella vita.

Laghi di origine glaciale

Enol ed Ercina sono i due grandi laghi di Covadonga, sono di origine glaciale e si trovano a oltre 1.000 metri sul livello del mare. Per ammirarli in tutto il loro splendore ti suggeriamo di percorrere l’itinerario Laghi di Covadonga, un percorso circolare molto facile di cinque chilometri, che inizia nel parking della Buferrera ed è interamente segnalato. Lungo il percorso, il primo punto di interesse in cui ti imbatterai è il Centro di accoglienza dei visitatori Pedro Pidal, uno spazio molto interessante per saperne di più sulla zona. Successivamente, dopo aver raggiunto il belvedere del Principe, tornerai sui tuoi passi per addentrarti nelle miniere della Buferrera, prova del passato minerario del luogo.  Il sentiero continua verso il lago Ercina. È quello che si trova più in alto e da lì potrai ammirare sullo sfondo la vetta della Peña Santa de Enol che si erge verso il cielo e, se si è in primavera o estate, potrai lasciarti trasportare dal suono dei campanacci delle mucche al pascolo.

Sopra: veduta del lago di Ercina / Sotto: lago Enol nel Parco Nazionale dei Picos de Europa, Asturie

Una deviazione ti condurrà al belvedere di Entrelagos, da cui puoi ammirare il panorama completo della zona (consigliamo vivamente di andarci). L’itinerario segue verso la piana di Bricial (lo “sconosciuto” terzo lago di Covadonga che è possibile vedere solo in periodi di abbondante pioggia), il faggeto di Palomberu e la piana di Enol.  Il lago Enol attinge una profondità di oltre 20 metri e questa località è, senza dubbio, il luogo ideale per fare un picnic mentre ci si gode la pace. Come curiosità possiamo svelarti che sotto le sue acque vi è una riproduzione della Vergine di Covadonga che emerge l’8 settembre di ogni anno, il giorno della sua festa.  

Veduta del lago Bricial nel Parco Nazionale dei Picos de Europa, Asturie

Luoghi di culto, sentierismo e sport d’avventura

A 12 chilometri dai laghi si trovano la Santa Grotta e la Basilica di Covadonga. Nota come “Cova Dominica” o “Grotta della Madonna”, si tratta di un luogo di culto e di pellegrinaggio dedicato alla Vergine di Covadonga con un ambiente naturale meraviglioso, uno stagno dalle acque cristalline e una mitica fontana a cui si attribuiscono poteri magici. È possibile ammirare tutto l’insieme dalla Basilica, chiamata “Cattedrale della Covadonga” per anni. Nelle vicinanze si trova anche la località di Cangas de Onís, un luogo grazioso dove alloggiare e ammirare il famoso ponte romano.

Sopra: Basilica di Covadonga, Asturie / Sotto: Santa Grotta, Asturie

Oltre ai veri e propri itinerari attraverso i laghi, gli amanti del sentierismo e dei belvedere troveranno moltissimi percorsi nella zona grazie ai quali potersi godere i Picos de Europa. A soli otto chilometri dalla Basilica di Covadonga, per esempio, si trova l’imperdibile belvedere della Regina (soprattutto al tramonto) dal quale si riesce anche a scorgere la costa. A una sola ora di macchina, inoltre, puoi provare a percorrere l’Itinerario del Cares, senza dubbio il percorso di montagna più famoso di tutte le Asturie. Torrentismo, arrampicata o itinerari a cavallo sono le altre attività che puoi praticare nella zona. Tuttavia, se vuoi vivere un’avventura, sfrutta l’occasione per realizzare la famosa discesa del fiume Sella in kayak o piroga: circa 15 chilometri tra le città di Arriondas e Ribadesella. Divertimento assicurato nel cuore della natura delle Asturie! Anche se ci sono imprese che organizzano su misura questo percorso durante qualsiasi stagione dell’anno, il primo sabato di agosto è il giorno in cui si celebra la famosa Festa delle piroghe.

Sopra: ponte sul fiume Sella, Asturie / Sotto: tratto dell’Itinerario del Cares, Asturie

Informazioni pratiche

Come arrivare? I laghi di Covadonga si trovano a poco più di 90 chilometri da Oviedo, il capoluogo delle Asturie. Tuttavia la località di riferimento per raggiungerli è Cangas de Onís (a circa 35 minuti in macchina percorrendo l’AS-262 e la CO-4).In alta stagione l’accesso ai laghi ai veicoli privati è limitato, dando priorità all’utilizzo di autobus pubblici o taxi privati a partire dalle 9 del mattino. Ti consigliamo di consultare la sezione accesso ai laghi di Covadonga del Sito del turismo delle Asturie per organizzare il tuo viaggio.Dove dormire? Questa è la zona perfetta per il turismo rurale. Qui troverai alcune proposte dialloggio nella zona.Percorsi: L’itinerario circolare di cinque chilometri attraverso i laghi presenta una variante più breve della durata di poco più di un’ora, perfetta da percorrere con bambini. Se cerchi un percorso più lungo, puoi intraprendere l’emblematico Itinerario di Frassinelli (di circa 30 chilometri, andata e ritorno).Lo stesso Parco Nazionale organizza itinerari guidati della durata di circa tre ore. Puoi effettuare la tua prenotazione qui (gli itinerari sono gratuiti e in spagnolo).Consigli. Organizza il tuo viaggio in anticipo, prenota l’alloggio e utilizza calzature adeguate e abbigliamento comodo se decidi di praticare il sentierismo. Controlla il clima e, se viaggi in inverno, consulta lo stato delle strade. Attenzione alla nebbia tipica di questa zona e agli animali che si possono incontrare lungo le strade. In estate i laghi possono essere molto frequentati, dunque la primavera (la stagione migliore per vedere il lago di Bricial) o l’autunno (quando, inoltre, il faggeto di Palomberu apparirà in tutto il suo splendore) sono le stagioni perfette per visitarli.

Scopri di più su...