Travel Safe

Consigli per viaggiare in sicurezza Ultime notizie
Esterno del Museo Picasso, Malaga

La Malaga di Picasso

Málaga

Luoghi picassiani nella capitale della Costa del Sol


Malaga è la città dove Pablo Picasso trascorse la sua infanzia. L'ambiente e la vita quotidiana di quegli anni avrebbero dato origine ad alcuni dei temi ricorrenti nelle sue opere, come il flamenco, le colombe e i tori. Percorriamo le strade della sua città natale alla ricerca dell'opera e dei luoghi che segnarono il geniale artista spagnolo.

Fondazione Picasso-Museo Casa Natale. Iniziamo il percorso al numero 15 di plaza de la Merced. È qui che nacque il pittore il 25 ottobre 1881 (anche se allora il numero dell'edificio era il 36). Un paio di anni dopo, la famiglia si trasferì al numero 17. Oggi ospita la sede della Fondazione Picasso-Museo Casa Natale dedicata alla diffusione della sua vita e della sua opera. Il museo vanta una splendida collezione di opere d'arte, con pezzi di Picasso e di altri artisti contemporanei. Inoltre organizza regolarmente mostre temporanee sul pittore e sui suoi coetanei, oltre a possedere un importante centro di documentazione specializzato.Farmacia Bustamante-antica farmacia Mamely. All'angolo con plaza de la Merced, su calle Granada, troviamo la farmacia Bustamante, una delle più antiche della città. Quando la farmacia era diretta da Antonio Mamely, il retro divenne il luogo di ritrovo abituale degli amici del farmacista, tra i quali vi era il padre di Picasso, José Ruiz, che era un pittore.

Casa natale di Picasso, Malaga

Chiesa di Santiago. Nelle immediate vicinanze si trova la chiesa in cui fu battezzato Pablo Picasso. Secondo il certificato di battesimo, che è consultabile, esso venne celebrato il 10 novembre 1881 con il nome completo di "Pablo Diego José Francisco de Paula Juan Nepomuceno María de los Remedios y Crispiniano de la Santísima Trinidad”. La chiesa spicca per la decorazione barocca e la torre mudéjar.Lungo la stessa calle Granada, all'attuale numero 5, si trovava la gioielleria che apparteneva allo zio di Picasso, Baldomero Ghiara, che lo appoggiò economicamente durante i suoi studi alla Real Academia de Bellas Artes de San Fernando di Madrid. Attualmente, nell'esercizio commerciale che esiste oggi, si possono ammirare le belle allegorie dipinte sul soffitto che risalgono al XIX secolo.

Interni del Museo Picasso, Malaga

Museo Picasso Malaga. Dalla calle Granada raggiungiamo la calle San Agustín, dove si trova il Museo Picasso Malaga. Il pittore malagueño ha sempre desiderato che la sua opera fosse presente nella sua città natale e, nel 2003, con l'apertura di questo museo nel Palacio Buenavista, il suo desiderio è stato esaudito. Presenta una collezione di oltre 230 opere di Picasso donate dalla nuora e dal nipote dell'artista, Christine e Bernard Ruiz-Picasso. I fondi mostrano le diverse tappe del percorso artistico di Picasso attraverso disegni, oli, incisioni, sculture e ceramiche.Al fondo della via, accanto alla chiesa che porta lo stesso nome, si apre l'antico convento e collegio di San Agustín, il cui edificio ospitava nel XIX secolo l'archivio e il museo municipali di Malaga. Il padre di Picasso era il direttore del museo e, come compensazione per i ritardi nel salario, gli lasciarono tenere lì il suo atelier. Pablo ricordava perfettamente le visite all'atelier del padre, dove realizzava i suoi celebri quadri con le colombe.

Chiesa di San Agustín, Malaga

Ateneo di Malaga-Antica Accademia di Belle Arti di San Telmo. Giungiamo alla plaza de la Constitución, alla ricerca dell'Ateneo di Malaga. Durante gli anni dell'infanzia di Picasso era l'Antica Accademia di Belle Arti di San Telmo, dove anche il padre lavorava come professore di disegno tecnico. Anche se il figlio non aveva l'età minima per studiare nella scuola, nelle sue aule sarebbe avvenuta la prima formazione di Picasso, nei momenti in cui accompagnava il padre.Collegio di San Rafael. All'attuale numero 18 della vicina calle Comedias era situata la scuola dove studiava Pablo Picasso. L'artista non fu un buono studente, durante le lezioni si annoiava e la sua più grande paura era che il padre non tornasse a prenderlo. Per questo motivo quest'ultimo solitamente gli lasciava qualcosa di suo, in modo che sapesse che sarebbe tornato. "Più che il bastone, preferivo che mi lasciasse una colomba o i pennelli perché sapevo che non avrebbe potuto fare a meno di queste cose" ricordava Picasso.

Cortile del Museo Picasso

Instituto Vicente Espinel. Situato nella calle Gaona, fu la scuola in cui Picasso sostenne, nel 1891, gli esami per entrare nella scuola di La Coruña, città in cui si sarebbe trasferito con la famiglia nel mese di ottobre.Plaza de toros de La Malagueta. Durante la sua infanzia, Picasso assisteva a molte corride in compagnia del padre. In quei pomeriggi, in cui poteva ammirare i matador più famosi del momento, si formò la sua predilezione per la tauromachia, che più tardi sarebbe divenuto uno dei temi artistici più simbolici della sua opera.

Arena La Malagueta
Scopri di più su...