Cortile sud del Museo Archeologico Nazionale. Sala del Foro Romano. Madrid © Luis Asín. Museo Archeologico Nazionale

10 punti chiave sulle grandi civiltà della storia spagnola

In Spagna, hai la possibilità di conoscere la storia durante le vacanze. Ti sveliamo luoghi e visite che rappresentano eventi significativi per l’umanità come l'esistenza dei primi esseri umani, la nascita dell'arte o il dominio delle grandi civiltà.

1) Tanto tempo fa… quando l'«Homo Antecessor» abitava la Terra

Togliti l'abito, indossa le pelli e impugna la lancia, perché siamo diretti nella preistoria. Va bene… Non c'è bisogno di vestirsi di pelli, basta visitare il Sito archeologico di Atapuerca, a Burgos. È il più importante del mondo, poiché al suo interno sono stati ritrovati fossili di cinque specie diverse come l'«Homo Antecessor» e l'«Homo Heidelbergensis».Come un vero e proprio archeologo potrai visitare determinate zone e successivamente recarti nella città di Burgos (a poco più di 20 chilometri da Atapuerca) per conoscere il Museo dell'Evoluzione Umana.

2) E, improvvisamente, l'uomo scoprì l'arte

Ci sono poche sensazioni che colpiscono così tanto come trovarsi sotto soffitti decorati con pitture rupestri. All'improvviso, il peso della storia... Diventa pesante. E, se c'è un luogo in Spagna perfetto per provare quest'esperienza, è senza dubbio Altamira con le sue grotte, in Cantabria. Curiosamente fu una bambina la prima a vedere le famose pitture del primo luogo al mondo in cui è stata riconosciuta l'esistenza dell'arte rupestre del Paleolitico superiore.Le figure di bisonti, cavalli, cervi, mani... Sono così ben conservate che è difficile credere che furono realizzate tra i 35.000 e i 13.000 anni fa. L'accesso alla grotta è limitato (consulta qui le condizioni), perciò è stata creata una copia esatta in un museo decisamente raccomandabile.Se desideri scoprire maggiori dettagli su questa storia, forse ti interesserà il film “Altamira”, con la partecipazione di attori del calibro di Antonio Banderas.

3) Sulle orme dei fenici

Sapevi che la città che si considera la più antica dell'Occidente si trova in Spagna? Stiamo parlando di Gadir, l'attuale Cadice, che fu fondata nel 1100 a.C. dai fenici. Puoi visitare un sito archeologico nel punto più alto dell'antica isola di Erytheia per osservare le abitazioni, il tracciato delle strade e gli utensili del IX secolo a.C.Sempre i fenici fondarono un altro incantevole luogo della Spagna, nell'isola mediterranea di Ibiza. Sulla costa meridionale dell'isola, nel comune di Sant Josep de sa Talaia, puoi visitare l'insediamento fenicio di Sa Caleta che risale alla fine dell'VIII secolo a.C. per immaginare come poteva essere la vita di quella colonia commerciale. E, ovviamente, non puoi andartene senza conoscere la necropoli di Puig des Molins, di un incredibile valore storico e risalente al periodo fenicio.

4) Vestigia della cultura celtica

Facciamo un altro salto avanti nel tempo e dirigiamoci verso il nord-est della Spagna, in Galizia, per conoscere i suoi particolari insediamenti. Qualche informazione sul periodo: siamo in piena età del ferro ed entriamo in insediamenti fortificati utilizzati per oltre 1.000 anni (dal VI secolo a.C. fino al VI d.C.).Uno degli aspetti che rende così speciali questi luoghi è che sorgono in zone alte e le vedute che offrono sono spettacolari. In Galizia ve ne sono centinaia, anche se alcuni dei più famosi sono quello di San Cibrao de Las, quello di Viladonga, quello di Baroña e quello di Santa Trega.Li troverai anche nelle Asturie, dove forse il più importante è l'Insediamento di Coaña.

5) L'unico tempio egizio in Spagna

Con spirito solenne entriamo in un tempio dedicato alle divinità Amon e Iside. Si potrebbe pensare che stiamo parlando dell'Egitto, ma, in realtà, parliamo di Madrid.  In pieno centro, vicino alla Plaza de España, si erge con fierezza il Tempio di Debod, la cui costruzione cominciò all'inizio del II secolo a.C. e che fu ampliato all'epoca degli imperatori romani Augusto e Tiberio.Ma, allora, com'è finito nella capitale spagnola? Fu donato nel 1968 dal governo egiziano per evitare che fosse inondato durante la costruzione della diga di Assuan. Oltre a cercare di decifrare le scene al suo interno, ti suggeriamo di trovarti lì all'ora del tramonto. Assisterai a un meraviglioso spettacolo!

6) L'eredità dell'Impero Romano: la Hispania

Continuiamo ad avanzare lungo la linea temporale. Sfidando il passare del tempo, in Spagna troverai una miriade di prove di quella che fu la Hispania. Siamo nel periodo di gladiatori, imperatori e imponenti costruzioni. In quest'occasione, presenteremo due esempi di monumenti che lasciano chiunque a bocca aperta. Il primo: l'Acquedotto di Segovia. È costituito da 167 archi in pietra uniti solo da un equilibrio di forze, senza malta. Non sorprende che la leggenda narri che fosse opera del diavolo.Il secondo: il Teatro di Mérida. Fu costruito tra il 16 e il 15 a.C. per accogliere 6.000 spettatori! Un luogo magico che continua a ospitare spettacoli.

7) Il mondo dei visigoti

Dopo la caduta dell'Imperio Romano, i visigoti risiedettero in Spagna dal V all'VIII secolo. Scelsero Toledo come capitale del loro regno. In questa sorprendete «Città delle Tre Culture», infatti, si trova un museo dedicato alla cultura visigota nella Chiesa di San Román e le strade della città sono piene di questo tipo di arte.Un altro luogo curioso è Recópolis (a Guadalajara), una città fondata nel 578 dal re Leovigildo, di cui oggi rimangono dei resti archeologici.E, come ciliegina sulla torta in questa tappa visigota, non possiamo dimenticare il Tesoro di Guarrazar esposto nel Museo Archeologico Nazionale di Madrid. Le corone decorate con oro e gemme sono stupefacenti.

8) Otto secoli di cultura musulmana: Al-Andalus

L'arrivo degli arabi nel 711 fu l'inizio di un lungo periodo che ci ha lasciato monumenti eccezionali. Scegliamo due magnifici esempi che possiamo visitare, entrami in Andalusia.  Iniziamo con la Moschea-Cattedrale di Cordova che è, senza dubbio, il monumento più importante di tutto l'Occidente islamico. La sua storia (che va dall'VIII al XVIII secolo) riassume l'evoluzione dello stile omeyyade in Spagna. Addentrandoti nel monumento e trovandoti circondato da oltre 1.000 colonne e archi bicolori, ti sembrerà di essere in un altro mondo. Nelle vicinanze, a circa 10 chilometri, non si può non visitare il complesso archeologico di Medina Azahara.Non molto lontano, nella città di Granada, troveremo quello che, secondo molti, è il monumento più bello della Spagna: l'Alhambra. La sua costruzione iniziò nel XIII secolo, all'epoca dei regni delle Taifa. I palazzi e i giardini che formano l'Alhambra sono di una tale bellezza che fanno venire voglia di restarci per l'eternità.

9) Il momento dei regni cristiani

Nel 1492 termina il periodo precedente con la conquista di Granada da parte dei Re Cattolici e con la scoperta dell'America, e inizia a configurarsi quella che sarebbe stata la Spagna attuale. Nel campo dell'arte, la Spagna sperimenterà i grandi stili dell'epoca medievale: il romanico e il gotico.Se ci concentriamo sul romanico, non possiamo non raccomandarti una città: Santiago de Compostela, in Galizia. La sua cattedrale attuale, la cui costruzione cominciò nel 1075, oltre che essere stupenda è un luogo speciale: la destinazione finale dei pellegrini che percorrono il Cammino di Santiago, poiché la storia racconta che lì furono scoperte le reliquie dell'Apostolo.Per quanto riguarda il gotico, con cui i templi diventano sempre più alti e con grandi vetrate colorate, non potevamo dimenticare alcuni dei suoi grandi esempi: le cattedrali di Burgos, León e Toledo.

10) Verso l'infinito e oltre

Prima di diventare al paese che conosciamo oggi, la Spagna visse i periodi di grandi dinastie come gli Asburgo e i Borboni. Ad esempio, nella Madrid degli Asburgo era presente l'Alcázar, un immenso edificio distrutto da un incendio nel 1737, sul quale successivamente fu edificato lo stupefacente Palazzo Reale di Madrid e i relativi giardini che possiamo ammirare oggi.In realtà, tutti i movimenti artistici che seguirono il gotico lasciarono le proprie tracce in Spagna. Dal Rinascimento (Úbeda e Baeza sono ottime destinazioni per scoprire esempi di questo periodo) fino al barocco, al neoclassicismo o al modernismo, che ci porta alla fine del XIX secolo e agli inizi del XX secolo. Di quest'ultimo stile vi è una città che più delle altre ha molto da offrire: Barcellona. Conosci le grandi opere di Gaudí come la Sagrada Familia, il Park Güell o la Casa Milà?

Non sappiamo quali altre grandi civiltà vedrà il futuro della Spagna. Ciò che sappiamo è che fino ad ora abbiano assistito a glaciazioni, scoperte, sviluppo di diverse culture, cambi di pensiero... Il viaggio è stato movimentato, ma, soprattutto, appassionante. 


Ti sono state utili queste informazioni?



COSA FARE IN SPAGNA? PRENOTA QUI LA TUA ATTIVITÀ

Visualizza tutte le attività


X
Spain BarcellonaSivigliaMadridMalagaLa CoruñaCordovaGranadaLugoMurciaCadiceAlicanteHuescaPontevedraGuipúzcoa - GipuzkoaAsturieVizcaya -BizkaiaCastellón - CastellóCantabriaValenciaLa RiojaAlmeríaToledoBurgosJaénLeónValladolidCáceresSegoviaÁlava - ArabaTarragonaSaragozzaLleidaNavarraHuelvaCiudad RealGironaSalamancaCuencaBadajozÁvilaZamoraOrenseTeruelGuadalajaraPalenciaAlbaceteSoriaCanarieBaleari
X
Baleares MaiorcaIbizaMinorcaFormentera
X
Canarias TenerifeLanzaroteLa PalmaGran CanariaFuerteventuraLa GomeraIsola di El Hierro