Localizzazione

Badajoz


Passeggiare lungo una strada disseminata di negozi di moda e bar di tapas, imboccare una traversa e trovarsi di fronte a un tempio romano. Assistere a uno spettacolo di teatro all'aperto in una notte d'estate e farlo in un monumentale teatro romano con più di 2000 anni di storia. Entrare in città attraversando un ponte romano e ammirare di fronte un castello-fortezza arabo. Questa è Mérida, città iscritta nell'elenco del Patrimonio Mondiale, e questi sono i nostri suggerimenti per scoprirla nel corso di una giornata.

A Mérida ci sono due tappe assolutamente imprescindibili: il complesso del teatro e l'anfiteatro romano e il Museo Nazionale d'Arte Romana. Ti consigliamo di organizzare la giornata in funzione dei tuoi interessi decidendo se visitarli di giorno o ammirarli con una suggestiva illuminazione notturna. Dovresti dedicare almeno un'ora a ciascuno di essi, ma in verità se vuoi lasciarti catturare dalla magia del primo e soffermarti almeno un po' all'interno del secondo, dovresti riservare a entrambi circa tre ore. Una buona opzione è trascorrere la prima parte della giornata visitandone uno e il pomeriggio l'altro. In questo modo potrai approfittarne nel corso della mattinata per raggiungere altri punti di interesse meno vicini e trovarti all'imbrunire nei pressi della zona commerciale per fare una gradevole passeggiata.



Mattino: teatro e antiteatro romano

Era il centro di svago, divertimento e selvaggio intrattenimento di Augusta Emerita, città romana della grande Hispania e antico nucleo di Mérida. L'anfiteatro accoglieva lotte di fiere, combattimenti tra gladiatori, ricreazioni belliche e persino esecuzioni di schiavi. Le pietre che ancora si conservano sono le vestigia di uno spazio che poteva accogliere fino a 10.000 spettatori. Applausi, acclamazioni, grida, ruggiti di animali… vita romana allo stato puro. Potrai entrare nei luoghi in cui i lottatori e le fiere venivano ingabbiati e persino calpestare quello che era il campo di battaglia. Seguendo il percorso segnalato giungerai al monumentale teatro romano. Le colonne di marmo, le architravi, le sculture e persino la base dello scenario sono pezzi del teatro romano originario. Sebbene i visigoti lo distrussero utilizzandone le pietre lavorate per rinforzare le mura della città, molte di queste parti sono state rinvenute nel corso degli scavi e restituite alla sede originaria dopo un intervento di restauro di grande successo, che ha ricreato fedelmente lo scenario più raffinato del mondo culturale della Mérida antica… e di quella attuale. Il teatro funziona ancora e nei mesi di luglio e agosto ospita il Festival Internazionale del Teatro Classico. Un gioco: quando ti ritroverai tra le gradinate e ti sarai ripreso dall'emozione di trovarti di fronte a un tale scenario, cerca i resti delle pietre di marmo intagliate disposte tra le prime file della platea. Questo era il luogo riservato ai senatori, da qui l'uso di un materiale più nobile. Una curiosità: donne, liberti e schiavi occupavano la parte più alta del teatro. Un'indicazione: se lo visiti di giorno ti sembrerà sicuramente spettacolare, ma di notte la sua illuminazione ti regalerà un'esperienza del tutto nuova. Il mattino è un buon momento per visitare anche alcuni monumenti un po' più lontani, come l'Acquedotto dei Miracoli, posto di fronte a un ponte di origine romana. Le prime ore del giorno sono particolarmente indicate per visitare questa zona, perché si tratta di uno spazio verde molto gradevole che invita a passeggiare ed è molto suggestivo vedere il sole sorgere lentamente tra gli archi e illuminare il monumento. A seconda dell'orario prescelto per visitare il teatro e l'anfiteatro, come pure dell'appetito che magari puoi cominciare ad avere, ci sono due alternative interessanti per proseguire. Situati di fronte al complesso, seguendo le indicazioni turistiche verso sinistra, troverai i resti delle terme e dell'acquedotto di San Lázaro. Di fronte si trova invece l'antico Circo Romano. Possiede un piccolo centro di interpretazione e un belvedere che consente di ammirarlo nel suo insieme e di farsi un'idea di come potesse essere questo spazio in grado di ospitare fino a 30.000 spettatori. Se invece dal teatro romano segui il percorso turistico verso destra, raggiungerai la Casa del Mitreo e il Centro Funerario dei Colombari, situati di fronte all'arena. La prima è particolarmente interessante: si tratta di una casa nobiliare romana della quale si conservano numerosi ambienti, alcuni con dipinti che illustrano la vita degli antichi romani. I Colombari rappresentano invece un percorso attraverso i riti funebri e di inumazione della storia di Mérida.  

Piatto tipico

Arriva così il momento di fare una pausa e assaporare la cucina tradizionale dell'Estremadura. In tutta la zona dei monumenti sono numerosi i ristoranti, le cui offerte variano da menu del giorno a una selezione di tapas varie che permettono di degustare piccoli assaggi delle pietanze locali più rinomate. Sono tipiche le "migas extremeñas" (a base di pane fritto), tutti i prodotti derivati dal maiale iberico come il prosciutto iberico, la "presa iberica" (un taglio del maiale particolarmente succulento), il filetto iberico, la "morcilla" (sanguinaccio) o il "chorizo" (salsiccia cotta o stagionata). E anche le insalate come i "zorongollos" o i "cojondongos". E da abbinare un vino di produzione locale della Ribera del Guadiana.

Pomeriggio: Museo Nazionale di Arte Romana di Mérida

L'edificio, progettato dall'architetto Rafael Moneo, è un passaporto di accesso all'Impero Romano. Ecco qualche esempio: la sala principale è presieduta da un'enorme decorazione del portico del foro, mentre sulle pareti sono appesi impressionanti mosaici originali; il sotterraneo custodisce una cripta con ambienti domestici e un tratto di una strada romana… Ti raccomandiamo di visitareil sito "España es Cultura" per vederne le opere principali nel dettaglio. Dopo aver visitato il Museo ti proponiamo di fare una passeggiata per ammirare il tramonto nella zona del ponte romano e dell'area verde che lo circonda. Lungo la strada sono tante le sorprese che ti attendono. Segui le indicazioni che ti portano su via Sagasta e vedrai il Portico del Foro e soprattutto il Tempio di Diana, che sul retro integra una casa nobiliare del XV secolo. Ti consigliamo in ogni caso di ritornarci anche di sera perché l'illuminazione notturna del tempio è molto suggestiva. Proseguendo dritto raggiungerai l'Alcazaba araba e il ponte romano. La prima è un castello fortezza che custodisce anche resti di epoche diverse come la strada principale della città in epoca romana, una cisterna che presenta elementi decorativi romani e arabi, come pure la pianta di un'antica moschea. Trovandosi poi a una certa altezza, offre un punto di vista panoramico sul fiume Guadiana attraversato dal ponte romano. Percorrendo il ponte potrai passeggiare in uno spazio verde e raggiungere un posto che offre la prospettiva ideale per fotografare i due monumenti insieme.  

Serata e cena

Dopo una giornata di visite culturali ti suggeriamo di passeggiare nella zona commerciale di via Santa Eulalia e dintorni per gustarti l'ambiente cittadino. Potrai anche sederti a riposare in piazza España o piazza della Constitución. Lungo la passeggiata potrai vedere anche l'Arco di Traiano. Tutta questa zona è perfetta per fare un po' di "tapeo" (andare da un bar all'altro per assaporare piccole porzioni di pietanze diverse).

Da tener presente

Qui abbiamo voluto passare in rassegna le principali attrattive turistiche di Mérida, ma ci sono tanti altri luoghi di interesse che potrai visitare soprattutto se potrai fermarti qualche giorno di più: a) Basilica e cripta di Santa Eulalia. All'ingresso vedrai un piccolo oratorio con un portico realizzato con pezzi di marmo appartenuti a un tempio romano dedicato al dio Marte. b) Zona archeologica di Morerías con resti di costruzioni romane, arabe, visigotiche e andalusí. c) Collezione visigotica che possiede uno dei migliori esempi di scultura visigotica della Spagna. d) Bacino di Proserpina, situato a circa cinque chilometri dalla città. È una delle dighe più grandi dell'antichità. Nelle vicinanze si trova il Centro di Interpretazione dell'Acqua e una zona verde per passeggiare e con un'ampia offerta di ristoranti. Il biglietto per il complesso dell'anfiteatro e del teatro romano dà accesso anche all'Alcazaba, la Casa del Mitreo, il Circo Romano, il Centro Funerario dei Colombari, la zona archeologica di Morerías e la Cripta di Santa Eulalia. Potrai acquistarlo presso uno qualsiasi dei monumenti. Troverai un ufficio del turismo di fronte al complesso dell'anfiteatro e del teatro romano e un altro in via Santa Eulalia. Informati sulle visite guidate del complesso romano. Sono disponibili anche visite notturne.



Ti sono state utili queste informazioni?





COSA FARE IN SPAGNA? PRENOTA QUI LA TUA ATTIVITÀ


Vedi ulteriori esperienze simili

Vedi ulteriori esperienze



X
Spain BarcellonaSivigliaMadridMalagaCordovaLa CoruñaValenciaCadiceGranadaCantabriaCáceresMurciaAlicanteLleidaPontevedraLa RiojaCastellón - CastellóGuipúzcoa - GipuzkoaAsturieVizcaya -BizkaiaGironaLugoHuescaToledoBurgosÁlava - ArabaJaénTarragonaAlmeríaHuelvaÁvilaLeónSaragozzaSegoviaTeruelSalamancaCiudad RealValladolidBadajozCuencaNavarraZamoraPalenciaOrenseAlbaceteGuadalajaraSoriaCanarieBaleari
X
Baleares MaiorcaIbizaMinorcaFormentera
X
Canarias LanzaroteLa PalmaGran CanariaTenerifeFuerteventuraLa GomeraIsola di El Hierro