Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie






Localizzazione

Comunità Autonoma:
Andalusia

Provincia / Isola:
Huelva

Huelva


Scoprite un sistema acquatico insolito e unico al mondo. Il bacino minerario di Riotinto è un paesaggio naturale di montagne scavate e forme geometriche che colpisce il visitatore per la ricchezza minerale e cromatica. Viaggerete attraverso scenari che ricordano il pianeta Marte a bordo di un treno del XIX secolo e vivrete un’avventura affascinante.

Infinite tonalità di rosso, ocra, violetto, azzurro, arancione, nero... Una ricca policromia che conforma lo spettacolare paesaggio creato intorno al Tinto, un fiume che attraversa il bacino minerario dal quale si estraeva principalmente il rame. Le sue acque sono dense per effetto dei metalli, possiedono poco ossigeno e ospitano un’importante biodiversità di organismi microscopici la cui presenza ha attratto scienziati della NASA che studiano l’ecosistema per le sue somiglianze con il pianeta Marte.

Un viaggio attraverso il bacino minerario

È molto semplice raggiungere Riotinto. Potrete prendere l’autobus che parte ogni giorno da Siviglia o Huelva e una volta raggiunta la località vi consigliamo di dirigervi al Museo Minerario e Ferroviario, dove organizzeranno le attività della vostra giornata. Approfittate della visita per ripassare un po’ di storia dell’estrazione mineraria e della metallurgia a partire dall’Età del Bronzo, grazie a una mostra che tra i preziosi oggetti esposti comprende il vagone per binari a scartamento ridotto del "Maharajah", che risale al 1892 ed è considerato il più lussuoso del mondo. Le sue sale ospitano anche la riproduzione a dimensioni reali di una miniera romana che illustra le condizioni di lavoro del tempo.

Quindi potrete ammirare il sorprendente spazio naturale a bordo di un treno minerario della fine del XIX secolo, che percorre questo paesaggio unico denominato "Marte sulla Terra" e che si trova nei pressi del Parco Naturale della Sierra di Aracena e Picos de Aroche, in provincia di Huelva. La ferrovia scorre parallelamente al fiume e nelle vicinanze delle Miniere di Riotinto. La grande ricchezza mineraria di questo paesaggio, trasformato dall’uomo da 5000 anni, non lascia indifferente il visitatore.

Quando la locomotiva si inoltra nella Pata del Caballo, un luogo di grande valore ecologico e caratteristico per la vegetazione mediterranea, vedrete i contrasti naturali accentuarsi sempre più. Boschi di pino, querce da sughero e, in misura minore, eucalipti e querce, conformano l’habitat forestale che accoglie specie animali tra le quali predominano cervi, conigli e cinghiali.

Oltre ai 22 chilometri di percorso ferroviario, in questo bacino minerario si trova Corta Atalaya, un immenso spazio ricco di pirite di ferro e rame che nel passato è stato la miniera a cielo aperto più grande d’Europa. Il cromatismo della terra scavata in forma ellittica compone un’immagine spettacolare.

Completate la vostra giornata con una passeggiata nel paese di Riotinto e addentratevi nel quartiere di Bella Vista, creato per la colonia inglese che fece risorgere l’attività mineraria nel territorio durante il XIX secolo e che costruì anche la linea ferroviaria fino al porto di Huelva. In questa zona dall’estetica vittoriana appare netto il contrasto con l’urbanistica tipica dell’Andalusia.

Lasciatevi sedurre dallo spettacolare bacino minerario dove storia e natura danno vita a un connubio assolutamente singolare.






Da non perdere