Il Patrimonio dell’Umanità lungo il Cammino di Santiago




Quello che fa del Cammino di Santiago un’esperienza vitale che tutti vorrebbero ripetere, sono i momenti unici che è possibile vivere come pellegrini. Molti sono sicuramente legati alla cultura e agli impressionanti monumenti che scoprirete. Infatti, lungo il Cammino potrete visitare ben nove luoghi dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

L’UNESCO riconosce come Patrimonio dell’Umanità tutti i beni di conservazione prioritaria per il loro spiccato valore universale. Per questo lo stesso Cammino di Santiago è stato iscritto nell’elenco dell’UNESCO. Inoltre, percorrendolo, avrete l’opportunità di scoprire molti altri beni protetti. Prendete nota. - Monasteri di Yuso e Suso: si trovano a San Millán de la Cogolla (La Rioja), a meno di dieci chilometri dal tracciato del Cammino Francese attraverso la località di Cirueña. Sono considerati la culla della lingua spagnola, perché proprio qui fu elaborata la prima testimonianza scritta conosciuta. Scopritelo visitando questi maestosi edifici in stile romanico. - Cattedrale di Burgos: è uno dei migliori esempi del gotico spagnolo e l’unica cattedrale dichiarata da sola Patrimonio dell’Umanità in Spagna. Potrete vederla a Burgos, città attraversata dall’itinerario francese del Cammino. - Sito archeologico di Atapuerca: è il sito paleontologico più importante d’Europa. Si trova a circa 20 chilometri da Burgos, ma il Cammino vi darà l’opportunità di scoprirlo attraverso il Museo dell’Evoluzione Umana che ha sede nella città. Qui, oltre ad ammirare importanti reperti provenienti dagli scavi, potrete prendere l’autobus navetta che vi condurrà fino ad Atapuerca. - Ponte sospeso di Biscaglia: è uno dei ponti trasportatori più antichi del mondo e, sebbene risalga al XIX secolo, è tuttora in uso. Il ponte collega Portugalete con Getxo, a Biscaglia (Paesi Baschi), e il percorso Nord del Cammino passa da entrambe le località. - Arte rupestre paleolitica della Cornice Cantabrica: comprende la grotta di Altamira e altre 17 cavità distribuite tra Paesi Baschi, Cantabria e Asturie. I dipinti hanno circa 14.000 anni di storia e la maggior parte delle grotte si trova in prossimità dell’itinerario Nord del Cammino. La più importante, Altamira, si trova a Santillana del Mar, dove potrete visitare il Museo e una riproduzione a dimensioni reali della grotta. - Monumenti di Oviedo e del Regno delle Asturie: si tratta di esempi importanti dell’architettura religiosa pre-romanica in Spagna. Potrete visitarli percorrendo il Cammino Primitivo attraverso la città di Oviedo (Asturie), dove si trovano le chiese di Santa María del Naranco, San Miguel de Lillo e San Julián de Prados. - Mura romane di Lugo: particolarmente interessanti perché conservano intatto il perimetro, sono il miglior esempio delle ultime fortificazioni romane nell’Europa occidentale. Potrete visitarle percorrendo il Cammino Primitivo attraverso la città di Lugo (Galizia). - Città vecchia di Santiago de Compostela: è la meta del Cammino di Santiago e custodisce le zone urbane più belle del mondo, secondo definizione dell’UNESCO. La città fu ricostruita nell’XI secolo e si sviluppa intorno all’imponente cattedrale. Da segnalare l’atmosfera delle sue strade, tra edifici romanici, gotici e barocchi. Oltre a questi punti chiave del Cammino di Santiago, si trovano molti altri beni dichiarati Patrimonio dell’Umanità, come gli esempi di Arte mudéjar in Aragona, la Torre di Ercole a La Coruña (Galizia), le città vecchie di Salamanca, Segovia e Avila, e grandi spazi naturali come Las Médulas (León) e i Pirenei (Aragona).





Da non perdere