Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie






Localizzazione

Comunità Autonoma:
Baleari

Provincia / Isola:
Maiorca

Mallorca


Palma, capoluogo delle isole Baleari, è una città luminosa e sempre sorprendente. Oltre all’atmosfera marinara, possiede un enorme patrimonio culturale e ne sono esempio i cortili delle case signorili che abbondano nel centro storico. Si tratta di grandi spazi architettonici che riflettono l’identità di Palma. Vi proponiamo un itinerario alla scoperta di questi cortili.

Maiorca è una meta turistica privilegiata, con circa 550 chilometri di costa che ospitano alcune delle spiagge e delle cale più belle del Mediterraneo: è un luogo sorprendente per la ricchezza del patrimonio artistico che annovera monumenti come il Castello di Bellver e la Cattedrale di Palma. Oggi vi proponiamo di scoprire un altro motivo di fascino, forse meno conosciuto: i numerosi cortili che hanno portato tanti a identificare Palma come la città dei cortili appunto. Potrete conoscerli passeggiando attraverso il centro storico o percorrendo l’itinerario organizzato in occasione della celebrazione del Corpus Christi.

Più di 40 cortili

La bellezza e la singolarità dei cortili di Palma affascinarono Jules Verne che nel romanzo “Clovis Dardentor” ne fece lo scenario delle avventure dei suoi protagonisti. Si tratta di 40 cortili in tutto, distribuiti nel centro della città. Molti sono sede di istituzioni pubbliche come il Museo d’Arte Spagnola Contemporanea, il Palazzo March, il Tribunale Superiore di Giustizia, l’Ospedale di San Pere i San Bernat. Altri, come il Can Oleza o Can Sureda, sono privati e, tranne durante la festa del Corpus Christi, si possono vedere solo attraverso l’inferriata che li chiude. In tutti è visibile un ricco patrimonio architettonico, fedele riflesso della storia della città. Inoltre, talvolta ospitano concerti di musica classica.

I cortili di Palma risalgono all’epoca romana, tuttavia acquisirono importanza solo a partire dal XIII secolo. Al principio avevano un aspetto austero ed erano in stile gotico, ma la prosperità economica dei secoli XVII e XVIII apportò una decorazione molto più lussuosa e raffinata, in stile prima rinascimentale quindi barocco.

Itinerario speciale durante il Corpus Christi

Durante la celebrazione del Corpus Christi, festa religiosa che si svolge tra maggio e giugno, si organizza un itinerario guidato negli oltre 40 cortili di Palma, in un percorso a piedi di appena due ore attraverso il centro della città.

È possibile visitarli anche senza guida. Di seguito vi indichiamo alcuni dei cortili di visita obbligata. Il Can Berga, sede del Tribunale Superiore di Giustizia, è il più grande e spicca al suo interno la scala imperiale che collega i tre piani. Il cortile del Palazzo Oleza, uno degli edifici più belli di Palma, e il Can Vivot, con colonne di marmo rossiccio, sono rappresentativi dello stile barocco. Can Pásquela, invece, con la scala novecentista, le finestre neogotiche e le colonne barocche riflette una gran commistione di stili diversi. Il Can la Gran Cristina, sede del Museo di Maiorca, il Can Marquès, di chiaro influsso modernista, il Can Lladó, di origine medievale, il Marquès del Palmer, con una monumentale facciata rinascimentale, il Can Catlar del Llorer e il Can Alemany, referenti delle origine gotiche dei cortili, sono spazi raccomandati per il vostro itinerario.

Per organizzare la visita, rivolgetevi agli uffici del turismo di Palma, dove vi forniranno tutte le informazioni sui cortili più importanti e il miglior itinerario da seguire. In poche ore sarete conquistati dalla bellezza dei cortili.




Da non perdere