Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Osservare gli uccelli in Estremadura: un’esperienza unica.




Localizzazione

Comunità Autonoma:
Estremadura

Extremadura


Vi proponiamo di assistere a uno spettacolo affascinante: centinaia di specie di uccelli, alcuni in pericolo di estinzione, nel loro habitat naturale. È possibile vivere questa esperienza in Estremadura. Questa regione dell’entroterra della Spagna è un luogo ideale per praticare birdwatching (osservazione degli uccelli). I requisiti sono pochi: un binocolo, passione per la natura e rispetto dell’ambiente.

La Spagna è uno dei paesi europei con la maggiore diversità di avifauna. E quale luogo migliore per osservare gli uccelli dell’Estremadura? Il 75% del suo territorio è considerato area importante per gli uccelli (IBA). Le province di Cáceres e Badajoz sono scelte ogni anno da numerose specie di uccelli per nidificare e riprodursi, ma anche per riposare durante le rotte migratorie. Potrete vedere da vicino questi animali scoprendo, al contempo, spazi naturali di grande valore ecologico.

La primavera è una stagione ideale per osservare gli uccelli. In questi mesi dedicati alla riproduzione, non è difficile fare avvistamenti. Procuratevi un binocolo o un telescopio, una buona guida degli uccelli e preparatevi a vivere un’esperienza irripetibile.

Tra i numerosi punti di interesse ornitologico dell’Estremadura, va segnalato il Parco Nazionali di Monfragüe, dichiarato Riserva della Biosfera dall’UNESCO. Questo immenso bosco mediterraneo è una meta da non perdere. Qui si trovano specie in pericolo di estinzione, come l’aquila imperiale iberica, la cicogna nera e l’aquila reale. Sapete poi che accoglie la colonia di avvoltoi monaci più numerosa del mondo, con più di 250 coppie? Potrete ammirarne il volo da alcuni dei belvedere e postazioni di osservazione disseminati a Monfragüe. Un altro ottimo modo per scoprire questa avifauna è percorrendo gli itinerari che attraversano il parco. Ricordate che non potete abbandonare i sentieri segnalati e dovrete osservare sempre a distanza per non interferire con il comportamento degli animali. Non tralasciate di visitare il Centro di Interpretazione della Natura, indispensabile per comprendere l’importanza di questo luogo.

In Estremadura ci sono anche 69 zone ZEPA, che sono area di protezione speciale degli uccelli. I territori della Serena, di Llanos de Cáceres e Llanos de Brozas sono ottimi posti per osservare specie come l’otarda e le cicogne bianche. Diversi tipi di aquile, cicogne, avvoltoi monaci e capovaccai si rifugiano nel Parco Naturale di Cornalvo, la sierra di San Pedro e le Dehesas de Jerez. Lo stesso succede con gru, milani, palmipedi e numerosi uccelli acquatici, ad esempio, nella Moheda Alta e nel bacino di Orellana. Rivolgetevi agli uffici turistici, dove vi forniranno informazioni dettagliate su percorsi, itinerari guidati e attività legate a questa bella proposta di svago e natura.





Da non perdere