Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




I Parchi Nazionali spagnoli diventano accessibili



La Spagna si sta impegnando per trasformare i propri Parchi Nazionali in spazi naturali alla portata di tutti. Sta adattando le strutture per renderle accessibili a persone con difficoltà motorie, predisponendo pannelli illustrativi e dépliant informativi per non vedenti, guide nel linguaggio dei segni… Con quale obiettivo? Consentire a tutti di godere di una ricchezza ecologica impressionante.

La Spagna possiede 14 parchi nazionali. Un totale di oltre 325.000 ettari di enorme valore ecologico, dove si lavora per consentire a tutti di godere di questo immenso patrimonio naturale. L'ufficio spagnolo di Europarc (Federazione dei Parchi Naturali e Nazionali d'Europa) ha pubblicato un catalogo di buone pratiche realizzate nei parchi spagnoli. Iniziative che hanno abbattuto barriere architettoniche e che continuano a operare per fare dei Parchi Nazionali della Spagna una natura accessibile a tutti.

Modelli di accessibilità

Un chiaro esempio di parco accessibile è il Parco Nazionale di Timanfaya, a Lanzarote, una delle sette Isole Canarie. Gli interventi di miglioramento hanno trasformato questo spazio in un paradiso di origini vulcaniche accessibile a persone disabili. I materiali didattici comprendono informazioni in braille in varie lingue e produzioni audiovisive integrate dalla versione nel linguaggio dei segni.

A Tenerife, ancora nelle Canarie, il Parco Nazionale del Teide, iscritto nell'elenco del Patrimonio Mondiale dall'UNESCO, dispone di un servizio di guida per persone con disabilità. In questo modo, prenotando in anticipo, qualsiasi persona diversamente abile potrà scoprire l'enorme biodiversità del parco e ammirare lo spettacolare panorama del Teide dal suo belvedere. Il Parco delle Tablas de Daimiel, situato in Castiglia La Mancia, offre un servizio analogo. Il suo osservatorio sulla laguna adatta la visita a ogni gruppo a seconda della disabilità.

Un'altra proposta è quella del Parco Nazionale dei Picos de Europa, nelle Asturie. Possiede infatti una sala denominata "la grotta", che permette al visitatore di sperimentare in un unico ambiente i diversi suoni e le consistenze degli ecosistemi presenti in questo spazio naturale. Nel Parco Nazionale di Sierra Nevada, situato a Granada, in Andalusia, la natura viene ricreata attraverso laboratori di astronomia, ecologia, telai… tutti adattati a persone con disabilità.

Oltre a queste proposte concrete, i Parchi Nazionali spagnoli stanno operando una riconversione generale per garantire l'accessibilità. Così, ad esempio, sono stati predisposti parcheggi speciali per persone con mobilità ridotta, che consentono persino l'accesso diretto dei mezzi di trasporto all'interno del parco, nel caso di quello di Doñana (Andalusia), iscritto nell'elenco del Patrimonio Mondiale dall'UNESCO, e di quello di Aiguestortes i Estany de Sant Maurici, in Catalogna.

I Parchi Nazionali continuano a migliorare per avvicinare la natura a tutti. Le sale sono più spaziose e i sentieri adattati a persone con difficoltà motorie. Si utilizzano materiali antiscivolo e compatti per il tracciato, non riflettenti per evitare problemi visivi, dotati di corrimano e sportelli a doppia altezza… piccoli dettagli di grande importanza, che rendono la natura più universale che mai.





Da non perdere