Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Le Lagune di Ruidera, un’oasi nella Mancia




Localizzazione

Comunità Autonoma:
Castiglia - La Mancia

Provincia / Isola:
Ciudad Real

Ciudad Real


Un’esplosione di natura allo stato puro, di cascate e salti d’acqua: le lagune di Ruidera, dichiarate Riserva della Biosfera dall’UNESCO, si schiudono alla vista come un’oasi di acqua e vegetazione in mezzo alle assetate pianure della Mancia. Zone umide con una flora e una fauna eccezionali, offrono a chiunque si avventuri alla scoperta di questo spazio unico albe e tramonti indimenticabili.

Le lagune di Ruidera sono un complesso naturale di 16 piccoli laghi terrazzati, alcuni collegati tra loro, che trasformano questa zona arida e dalle tonalità ocra in uno scenario verdeggiante che, oltre alla bellezza naturale, offre numerose proposte di svago e sport.

Escursioni, pesca, golf, canottaggio, vela e immersioni sono alcune delle attività che il turista può svolgere presso questo Parco Naturale protetto, con una superficie di quasi 4000 ettari, situato tra le province di Ciudad Real e Albacete , e dichiarato Riserva della Biosfera dall’UNESCO.

Infatti le lagune sono anche zone prescelte per il riposo da uccelli migratori come il moriglione, la cerceta colorata, la folaga, il germano reale, lo svasso maggiore e gli aironi reali. Specie che convivono con una ricca fauna autoctona che annovera uccelli come la pernice, la gazza azzurra, il palombaccio e il gruccione, ma anche volpi, conigli, genette e pipistrelli.

Le acque sono altrettanto popolate, con carpe, barbi, lucci e palmipedi che vivono tra giunchi, schiance e canneti, circondati da più di 800 specie vegetali conservate, tra cui lecci, ginepri, sabine e timo.

Le lagune sono il risultato di una serie di infiltrazioni d’acqua, sorgenti e fonti convergenti tutte in un’unica zona tra le località di Ossa de Montiel e Ruidera. Si forma così una serie di laghetti, dalle acque trasparenti e non troppo profonde. Qui nasce il Guadiana, uno dei più importanti fiumi spagnoli, il cui corso scompare per 15 chilometri per tornare poi visibile presso le località di Villarrubia de los Ojos e Daimiel.

Ma le lagune non sono solo paesaggio e natura. Alle escursioni e agli sport nautici si aggiungono trekking, caccia, pesca, itinerari a cavallo o in bicicletta e passeggiate su fuoristrada. I più audaci possono praticare parapendio o speleologia nelle numerose grotte e caverne dei dintorni. E naturalmente il golf, in un campo da nove buche che si estende nella vicina località di Tomelloso, a soli quindici minuti dalle lagune, e che dispone anche di una pista da kart.

Lungo l’itinerario di Don Chisciotte

Il fascino della lagune di Ruidera conquistò lo stesso Miguel de Cervantes, creatore del Don Chisciotte della Mancia, che ambientò a Campo de Montiel (dove si trova la maggior parte del parco naturale) una parte delle avventure di questo capolavoro della letteratura universale.

Nelle immediate vicinanze si trova Campo de Criptana, località dove è possibile ammirare i mulini a vento che Don Chisciotte confuse con giganti, e che ancora oggi sono pienamente integrati nel paesaggio di questa terra ospitale, culla anche di una gastronomia popolare inconfondibile.

Per quanto riguarda la gastronomia, l’elenco di pietanze è ampio e vario: “gacha” (zuppa di farina), “migas” (molliche fritte), “pisto” (a base di verdure), zuppa di aglio, zuppe di legumi, “gazpacho”, selvaggina, stufati, arrosti, “duelos y quebrantos” (uova strapazzate con ingredienti diversi)… menu in gran parte plasmati nell’immortale opera di Cervantes. Senza dimenticare i vini D.O.C. e il formaggio della Mancia, elaborato con latte di pecora e internazionalmente rinomato.





Da non perdere