Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Stazioni Verdi, in treno a contatto con la natura



Se siete amanti della natura e vi sembra che viaggiare in treno abbia un fascino speciale, questo articolo è quello che fa per voi. Vi proponiamo di recarvi presso una delle nove Stazioni Verdi della Spagna: stazioni ferroviarie da cui partono itinerari alla scoperta di territori con spazi naturali protetti e Vie Verdi ideali per fare trekking e cicloturismo. Quale delle nove stazioni preferite per la vostra escursione?

Alcoy (Alicante, Comunità Valenciana)
Da questa stazione vi sarà facile accedere ai Parchi Naturali di Carrascal de la Font Roja (a 13 chilometri) e Sierra de Mariola (a 15), dove si estende il bosco di tassi più meridionale d'Europa. Molto vicino alla stazione troverete sei itinerari (diversi per tipo di percorso e grado di difficoltà) e la Via Verde (antica linea ferroviaria recuperata per escursionisti e ciclisti) di Alcoy. Dopo potrete visitare la località di Alcoy e rifocillarvi assaporando i "bajogues farades", peperoni ripieni di riso.

Calahorra (La Rioja)
Lasciata la stazione, potrete dirigervi verso le Riberas del Ebro (a 6 chilometri), il Monte de los Agudos (a 7) e il bacino di El Perdiguero (a 4,5). Potrete scegliere tra vari percorsi alternativi, tra cui la Via Verde del Cidacos e i "Sentieri della Verdura". Lasciatevi trasportare dalla bellezza di boschi di pioppi bianchi e neri, ontani, frassini e grandi salici bianchi. Non andate via senza aver visitato Calahorra e aver provato la minestra di verdure. Calatayud (Saragozza, Aragona)
Raggiungere questa stazione significa conoscere la Sierra de Armantes (a 5 chilometri), le anse del fiume Jalón (a 9) e la Sierra di Vicor (a 20). Potrete scegliere tra cinque itinerari diversi per ammirare gole modellate dall'erosione, specie come l'aquila reale, vette che superano i 1400 metri... E se andate a Calatayud, non dimenticate di provare il grongo.

Castuera (Badajoz, Estremadura)
Venite ad ammirare i paesaggi della sierra di Castuera (a 3 chilometri dalla stazione) o bacini interessanti come quelli di Zújar e Orellana. Potrete scegliere itinerari come quello del Cammino Mozarabico di Santiago. E poi, non potrete lasciare Castuera senza averne provato il prosciutto iberico e l'agnello.

Fuente de Piedra (Antequera, Malaga, Andalusia)
Vale la pena di fare questo viaggio per visitare una serie di lagune dove vedrete una concentrazione di uccelli quasi senza pari in Spagna. Particolarmente interessante quella di Fuente de Piedra, a un passo dalla stazione. E per dare piacere al palato: il gazpacho e le molliche, pietanze tipiche del posto. Ponferrada (León, Castiglia e León)
È il punto di partenza perfetto per scoprire luoghi come Monte Pajariel (a 3,6 chilometri dalla stazione) e il bacino di Bárcena (a 7,6). Li potrete raggiungere percorrendo il Sentiero dei Monaci o l'itinerario di risalita al monte Pajariel. E per pranzo, il "botillo" del Bierzo è la proposta gastronomica di riferimento. Puebla de Sanabria (Zamora, Castiglia e León)
Venite a camminare all'interno del Parco Naturale del Lago di Sanabria (a 14 chilometri dalla stazione) o sulla Sierra della Culebra (a 3), che accoglie la maggior concentrazione di lupi della Penisola Iberica. Potrete scegliere tra tre itinerari: Cammino tradizionale Puebla de Sanabria – El Puente, Cammino delle Herrerías e Castellanos-Chaguaceda–Triufé. E per pranzo? Fagioli grandi di Sanabria. Ribes de Fresser (Girona, Catalogna)
Appena usciti dalla stazione vi troverete davanti la valle di Ribes e a 12,5 chilometri la Valle di Núria circondate da vette alte quasi 3000 metri. Potrete conoscere la zona percorrendo itinerari come quello della "salute" o facendo un giro in mountain bike. E per ricordo potrete acquistare del miele. Ronda (Malaga, Andalusia)
Esistono numerosi itinerari di trekking che consentono di arrivare fino al Tajo de Ronda (a 1,1 chilometri della stazione), il Parco Dehesilla del Mercado (a 2,1) e la Gola del torrente della Ventilla (a 8,5). Da non perdere Ronda, dove dovrete assolutamente provare le olive e l'olio d'oliva. Sul sito web ufficiale dell'ADIF troverete una guida particolareggiata sulle nove Stazioni Verdi (che con il tempo diventeranno sempre di più) e potrete sapere quali sono i monumenti, i musei e le feste più importanti di ogni località. Lasciate che sia il treno a condurvi in luoghi unici.
 





Da non perdere