Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Spagna: santuario naturale d’Europa



I Picos de Europa, la valle di Laciana, Monfragüe, Muniellos e le valli dei fiumi Leza, Jubera, Cidacos e Alhama sono alcuni degli scenari naturali spagnoli dichiarati Riserva della Biosfera dall’UNESCO. Vi proponiamo di scoprire questi cinque gioielli unici in Europa.

La particolare posizione geografica della penisola Iberica, a cavallo tra due continenti, le conferisce caratteristiche naturalistiche assolutamente peculiari in Europa. La parte settentrionale della penisola, attraversata dalla cordigliera Cantabrica, è un vero paradiso naturale. Qui si estendono infatti le Riserve della Biosfera del parco nazionale dei Picos de Europa e delle valli di Laciana e Muniellos.

Avrete a portata di mano un complesso di spazi che, a loro volta, configurano la riserva naturale più grande e preservata dell’Europa meridionale. Ma non è tutto: avrete il privilegio di conoscere il santuario europeo di varie specie in via d’estinzione, come l’orso bruno, il lupo iberico e l’urogallo.

Picos de Europa

Lasciatevi conquistare dall’imponente scenario dei Picos de Europa, il primo parco nazionale creato in Spagna. Un luogo in cui le alte vette fanno da contrappunto a gole profonde, dove scorrono le rapide acque dei fiumi della Cantabria. E tutto questo in uno dei boschi atlantici più importanti della Spagna.

Ammirate la montagna del Naranjo de Bulnes o i famosi laghi di Covadonga. Lasciatevi sorprendere dalle vedute più belle della Riserva a bordo della teleferica di Fuentedé. Percorrete l’emblematico itinerario del Cares o il bel territorio di Liébana. E se invece amate le emozioni forti, i Picos de Europa vi offrono la cornice perfetta per praticare ogni tipo di sport all’aperto: trekking, itinerari a cavallo, parapendio, torrentismo e tanto altro.

Stanchi della montagna? Non c’è problema. Il mare vi attende a solo 20 chilometri dal parco. Un litorale disseminato di bei paesini marinari e dimore nobiliari che vi offriranno alternative di ogni tipo, come sport nautici o la visita del Museo delle Grotte di Altamira, considerate la “Cappella Sistina dell’Arte Paleolitica”.

La valle di Laciana

Nella Valle di Laciana, tra i monti di León e la cordigliera Cantabrica, le alte vette, i boschi e i pascoli tornano ad essere protagonisti del paesaggio.

Cime come il Cueto Nidio, che offre le migliori vedute sulla valle, boschi come quelli della Braña de Ronda e il monte Barroso, allo stato quasi incontaminato, itinerari di interesse, come quello che conduce alla Vega del Palo, un fertile pianura che in origine era un lago glaciale.

Ovunque andiate , vedrete che natura e arte formano un binomio perfetto. Durante tutto il percorso attraverso la valle sarete accompagnati da antichi insediamenti, ponti romani, caseggiati tradizionali e bellissimi esempi del romanico rurale.

Se siete appassionati di sport invernali, la stazione di Leitariegos mette a vostra disposizione impianti moderni, dove poter praticare tutte le discipline sportive legate alla neve: sci, snowboard, racchette da neve, ski bike e altro ancora.

Muniellos

A Muniellos, nel cuore delle Asturie, scoprirete il rovereto più esteso della penisola e uno dei più preservati di tutta Europa. Muniellos è sinonimo di natura allo stato puro e potrete attraversarlo seguendo il corso dei fiumi Narcea, Degaña e Ibias. Un rifugio per numerose specie: lupi, cinghiali, caprioli, urogalli…

Potrete vedere i laghi glaciali del Pico de la Candanosa, le cui origini risalgono a migliaia di anni fa. E di ritorno alla civiltà, la pittoresca località di Cangas del Narcea attende il visitatore per offrirgli il meglio della sua cultura e della gastronomia.

Valle di Leza

Se deciderete di visitare la valle di Leza, non resterete delusi. Lasciando alle spalle i paesaggi della Cantabria, troverete un esteso scenario di bosco mediterraneo, gole e rocce calcaree che occupa quasi un quarto del territorio della Rioja. È una visita che delizierà i vostri sensi.

Chiudete gli occhi e ascoltate il silenzio. Poi alzate lo sguardo in cielo. Scoprirete una delle maggiori colonie di grifoni di tutta la penisola.

Volgete di nuovo lo sguardo a terra e cominciate a seguire le impronte lasciate dai dinosauri che popolarono questi luoghi milioni di anni fa. Saprete allora che vi trovate in un sito archeologico unico in Europa.

Ma la visita non finisce qui. Località come Arnedillo vi offrono il meglio della saporita gastronomia della Rioja. Un grande piacere per l’olfatto e il palato. Infine, rilassatevi nelle strutture che sfruttano i benefici delle eccezionali acque termali che sgorgano nella zona. E tutto senza lasciare il territorio della Riserva.

Monfragüe

Molto più a sud, in Estremadura, troverete la Riserva di Monfragüe. Qui scoprirete un paesaggio tipicamente spagnolo e unico al mondo: la “dehesa”, terra di pascoli, esempio dell’armoniosa convivenza di uomini e natura nel corso dei secoli.

Oltre a riunire una grande diversità di ecosistemi mediterranei, Monfragüe è un paradiso per l’ornitologia, perché ospita le colonie di avvoltoio monaco e aquila imperiale più grandi del mondo, come pure altre specie uniche come la lince iberica.

Se preferite il turismo culturale, località storiche come Trujillo, Cáceres e Plasencia saranno la ciliegina di una visita che conserverete per sempre nella memoria.

In definitiva, cinque esempi di Riserve della Biosfera che riflettono fedelmente l’enorme varietà e ricchezza naturale che possiede la Spagna.





Da non perdere