Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




La Spagna attraverso le sue tradizioni



La Spagna è terra di leggende, storie singolari dove spesso la storia si confonde con la fantasia e le cui origini si perdono nella memoria. Conoscere questi racconti è sicuramente un modo divertente e originale di avvicinarsi alla nostra cultura popolare. Giganti, draghi, streghe, spiriti, battaglie, santi e notti magiche… La quantità di leggende è innumerevole. Ecco alcune tra le più famose.

Molte di queste storie sono alla base di tradizioni, feste e rituali profondamente radicati nei nostri paesi e nelle città. Prendete nota della nostra proposta.

San Giorgio contro il drago mostruoso

Una delle leggende più popolari risale al Medioevo ed è quella che narra di San Giorgio, protettore di Aragona e Catalogna, e della sua lotta contro un feroce drago che sputava fuoco, per liberare una principessa. Il mostro fu ferito a morte e nel punto in cui versò il suo sangue nacque un roseto di rose rosse. Questa è l'origine dell'abitudine in Catalogna di regalare una rosa alla donna amata il 23 aprile, ricorrenza della festa del Santo. È una bella tradizione, che arricchisce di colore e romanticismo tutti i luoghi della regione. Milioni di rose invadono le strade e le case di paesi e città, e rendono questa giornata assolutamente speciale. Provate a visitare in quest'occasione proprio Barcellona, uno scenario ideale per sperimentare il fascino di questa ricorrenza. Ma il giorno di San Giorgio offre tante altre alternative.

Ad esempio, nel monastero di Montblanc, in provincia di Tarragona, in coincidenza con la commemorazione del Santo patrono si svolge la Settimana Medievale. Potrete passeggiare tra le stradine all'interno delle mura del paese, che esibiscono bandiere e stemmi nobiliari, con soldati e arditi cavalieri, partecipando a una grande festa con cene e mercati medievali, un concorso di giullari e, naturalmente, la rappresentazione della lotta del coraggioso santo contro il drago.

Gli Amanti di Teruel

Le origini di questa romantica leggenda risalgono anch'esse al Medioevo. Narra la tradizione che, nel XIII secolo, due giovani di Teruel, Isabel de Segura e Diego de Marcilla, morirono d'amore dopo una serie di tragici eventi che impedirono loro di unirsi per sempre. I loro corpi riposano vicini in un mausoleo situato a fianco della chiesa e torre di San Pedro, che fa parte del complesso mudejar di Teruel, iscritto nell'elenco del Patrimonio Mondiale dall'UNESCO. Questa città dell'Aragona commemora ogni anno questo dramma medievale. A febbraio, le stradine e le piazze del centro storico ricreano l'ambiente di quel tempo e migliaia di persone mascherate escono per le strade partecipando a questa festa che unisce cultura e divertimento, e dove non mancano saltimbanchi, fachiri, cantastorie, boia, nobili e servi. Ma il piatto forte è la rappresentazione del dramma degli Amanti in diversi punti della città.

Queste sono due delle numerose leggende spagnole. Presto vi racconteremo altre storie delle nostre tradizioni più popolari.





Da non perdere