Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie





Le coste della Spagna si possono scoprire in tanti modi diversi. La formula che vi proponiamo questa volta - il kayak – finirà sicuramente per catturarvi. Perché è un’alternativa che vi consentirà di raggiungere luoghi e angoli del litorale altrimenti di difficile accesso. Volete fare la foto più bella delle vostre vacanze? Allora salite sul kayak.

Isole, scogliere, spiagge incontaminate, calette idilliache, parchi naturali, grotte, caverne… La varietà è una delle caratteristiche principali lungo i quasi 8000 chilometri della costa spagnola. Dal punto di vista paesaggistico troverete un litorale appassionante, ricco di spazi da scoprire. Le dimensioni del kayak, la sua stabilità e maneggevolezza ne fanno il mezzo perfetto per esplorare dal mare gli anfratti più nascosti della costa. È un’attività che richiede un certo sforzo fisico, perché l’impulso che muove la canoa proviene unicamente dai remi dei vogatori. Tuttavia lo sforzo vale la pena, non solo perché è gratificante viaggiare sull’acqua, ma anche perché è possibile raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili.

Un viaggio su misura

Se è la prima volta che salite su un kayak, vi consigliamo di seguire un corso per imparare a condurlo e sapere quali fattori possono condizionare la traversata, navigando così in modo efficiente e sicuro. In Spagna troverete imprese e scuole che impartiscono lezioni a vari livelli, della durata di uno o più giorni. Ci sono anche corsi di perfezionamento per vogatori esperti. Oppure si possono scegliere escursioni e itinerari guidati in cui un istruttore vi mostrerà prima la tecnica e quindi vi accompagnerà alla scoperta dei luoghi più interessanti della zona. Non preoccupatevi delle attrezzature necessarie (kayak, remo, giubbotto salvagente, ecc…) perché normalmente le forniscono le stesse imprese.

Se invece siete di quelli che preferiscono andare per conto proprio, potrete sempre noleggiare un kayak. E se decidete di portare la vostra imbarcazione, avrete a disposizione stabilimenti dove potrete lasciarla durante il vostro soggiorno a prezzi contenuti. I centri nautici spagnoli rappresentano una buona alternativa per divertirsi con questo sport: vi daranno consigli prima di affrontare la traversata, vi indicheranno i punti più interessanti da visitare, potrete acquistare corsi, escursioni e le attrezzature necessarie, prenotare un alloggio e così via. La maggior parte dell’offerta si concentra sul mar Mediterraneo, principalmente nelle Isole Baleari, Catalogna, Comunità Valenciana e Andalusia.

Cosa è bene sapere

Quando si naviga in kayak conviene tener presente una serie di raccomandazioni, come portare con sé indumenti asciutti, acqua, cibo e un kit di pronto soccorso. Non dimenticate anche un copricapo, la crema solare e gli occhiali da sole. È sempre meglio viaggiare accompagnati o in gruppo: non è solo più divertente, è anche più sicuro. Cercate di non allontanarvi troppo dalla costa, soprattutto se non avete molta esperienza. Comunicate il programma di navigazione (itinerario e orari previsti, punto di partenza e di arrivo, descrizione della canoa) al club nautico o a un responsabile a terra, e avvisate una volta conclusa la traversata. Infine, se avete bisogno d’aiuto potrete contattare i Centri di Salvataggio al telefono +34 900 202 202.

Viaggiare in kayak lungo le coste della Spagna è un’esperienza incredibile. Se lo provate, non vorrete farne a meno. Per ulteriori informazioni: Associazione Spagnola di Centri Nautici





Da non perdere