Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Il Maestrazgo: dove il silenzio parla




Nella Spagna orientale si estende uno spazio con vette elevate, attraversato da gole profonde, sentieri che si perdono tra pinete snodandosi lungo fiumi dalle acque trasparenti, itinerari che conducono a paesini dove regna la quiete. È il Maestrazgo, un territorio in cui convivono natura, cultura e tradizioni. Un luogo affascinante che vale la pena di conoscere.

A sud dell’Aragona, tra Teruel e l’entroterra della provincia di Castellón, si estende il Maestrazgo, una terra dominata dalla natura più aspra e incontaminata, dove il tempo trascorre senza fretta. Forse per questo il silenzio vive da secoli tra queste montagne. Un silenzio che sarà il vostro compagno di viaggio lungo un percorso caratterizzato da un paesaggio in costante cambiamento.

Vedrete gole profonde, boschi di aceri e pinete, fossili e impronte di dinosauri, valli bagnate da fiumi le cui acque sono popolate da trote, anse profonde dove vivono specie come il grifone e lo stambecco, e pareti verticali dalle forme impossibili come gli Órganos de Montoro. Luoghi impressionanti, ricchi di contrasti, che offrono innumerevoli possibilità agli amanti della natura e dell’avventura. Scenari adatti alla pratica di sport come la scalata, la speleologia, il canottaggio, la caccia, la pesca, il cicloturismo, le passeggiate a cavallo, il parapendio e il sentierismo, che sfrutta la presenza di numerosi itinerari brevi e dell’itinerario di lunga distanza GR-8. È utile sapere che in questa zona esistono molte imprese che organizzano attività all’aperto.

Divertimento in famiglia

Non dimenticate di portare la macchina fotografica e preparatevi a fare escursioni, ideali per tutta la famiglia, attraverso luoghi come le pinete di Fortanete, la sorgente del fiume Pitarque, il Torrente delle Trote, le anse e le rive del fiume Guadalope, i passi di Beceite, il faggeto della Tinença de Benifassà, il parco geologico di Aliaga, l’ambiente naturale intorno al monastero dell’Olivar, le grotte di Cristal de Molinos, la Mola di Ares del Maestre… Le alternative sono tante. Per questo vi consigliamo di rivolgervi a qualsiasi ufficio del turismo, dove vi forniranno le informazioni necessarie.

A questa ricchezza ecologica si aggiunge l’impressionante patrimonio culturale racchiuso nei pittoreschi paesini dall’atmosfera medievale del Maestrazgo, come il complesso monumentale di Morella, le vie di Mirambel, Cantavieja e la Iglesuela del Cid, o ancora i dipinti rupestri di Tírig. Castelli, chiese gotiche e barocche, eremi, masserie fortificate, palazzi, case nobiliari, piazze e ponti si trovano disseminati in località dalla personalità propria, ben definita, abitate in altri tempi da ordini cavallereschi come i templari. Il Maestrazgo è tutto questo e molto altro ancora.





Da non perdere