Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie






Localizzazione

Comunità Autonoma:
Castiglia e Leon

Provincia / Isola:
León

León


Il Cammino di Santiago e la Via dell'Argento, due degli itinerari culturali più importanti della Spagna, si incrociano in un punto: Astorga. Situata in Castiglia e León, questa cittadina vanta più di 2000 anni di storia e un sorprendente complesso monumentale in cui la cattedrale rinascimentale convive con le antiche terme romane e con un palazzo modernista progettato da Gaudí.

Per conoscere Astorga bisogna recarsi nella Spagna nord-orientale, in provincia di León. Si trova a soli 45 chilometri dalla città di León, nel territorio della Maragatería. Dopo la conquista romana, la località divenne un importante centro strategico per la presenza di ricchi giacimenti d'oro. Ma il retaggio di quell'epoca e i resti degli sfruttamenti minerari non sono le uniche attrattive di Astorga.

Appena giunti, resterete colpiti dall'insieme formato da due dei monumenti più importanti della località, la Cattedrale di Santa María e il Palazzo Episcopale. Gli edifici si trovano uno vicino all'altro e sono circondati da mura di origini romane eccellentemente preservate. Prestate particolare attenzione alla cattedrale, bella sintesi di stili, con elementi che vanno dal gotico fiorito al barocco e al rinascimento. Costruita a partire dal XV secolo, i lavori terminarono solo nel XVIII secolo. Un'altra curiosità è la differenza di colore tra le due torri che affiancano la facciata, a causa di un terremoto che nel 1775 ne distrusse una ritardandone la conclusione. All'interno si segnala la presenza di un'impressionante pala d'altare maggiore e del coro.

A fianco della cattedrale vedrete il palazzo episcopale, disegnato dal famoso architetto modernista Antonio Gaudí. È un complesso neogotico che sembra uscito da un racconto fantastico. Nel giardino all'esterno vi daranno il benvenuto tre angeli di zinco e all'interno potrete visitare il Museo dei Cammini, che custodisce un'interessante collezione di pezzi legati al Cammino di Santiago. Ad Astorga troverete altri edifici interessanti, come Casa Granell e la Chiesa di San Andrés.

Dirigetevi quindi alla Plaza Mayor, che ospita il Palazzo Comunale in stile barocco e dove, il martedì mattina, si allestisce un mercatino tradizionale. Da non perdere anche una visita alle vestigia romane che si conservano nella città. Il percorso vi condurrà alla scoperta dei resti del foro, le terme, le domus (abitazioni), il tempio dedicato al culto imperiale, l'accampamento dei legionari e la rete fognaria. Nell'antica Ergastula (prigione) si trova l'attuale Museo Romano con statue, anfore, gioielli e rilievi. Per non perdervi nulla, vi raccomandiamo di rivolgervi all'ufficio turistico della località.

Se vi resta un po' di tempo, visitate alcuni paesini dei dintorni per scoprire il fascino dell'architettura popolare del territorio della Maragatería. A soli 5 chilometri da Astorga, a Castrillo de los Polvazares, ne troverete un bell'esempio e vi consigliamo anche di provare la pietanza tipica della zona: il cocido maragato (zuppa di ceci e carne). Se lo desiderate potrete anche percorrere la "Via dell'Oro", che vi porterà in diverse località della zona alla scoperta di vecchi sfruttamenti minerari romani.

Non esitate a fare una sosta per conoscere Astorga. Sarà una gradevole sorpresa.




Da non perdere