Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Costa della Morte, belvedere sull’Atlantico




Localizzazione

Comunità Autonoma:
Galizia

Provincia / Isola:
La Coruña

Coruña, A


L’immensità dell'oceano Atlantico, la vita tradizionale dei paesini di pescatori, le scogliere, la luce dei fari, il profumo della salsedine, il sapore inconfondibile dei frutti di mare, le misteriose leggende… Tutto questo e molto di più vi attende sulla Costa della Morte, in provincia di A Coruña (Galizia), nella Spagna nord occidentale. Qui troverete un itinerario unico e facile da percorrere, che vi permetterà di affacciarvi sull’Atlantico.

Aperta sull’Atlantico, nella regione della Galizia, nella Spagna Verde, si estende la Costa della Morte: un belvedere di grande bellezza, con scogliere, un paesaggio verdeggiante, spiagge e, naturalmente, le acque impetuose del mare. Una meta che invita a passeggiare tranquillamente per i paesini marinari e a scoprire perché i romani la considerassero la porta dell’“Aldilà”. Quando assisterete allo spettacolo del sole che si “inabissa” nell’oceano Atlantico, non avrete più dubbi.

Cittadine marinare

Tutto nella Costa della Morte si rivolge verso il mare: ne è un esempio Malpica, un paesino marinaro dove le case “sono sospese” sulle rocce, affacciate sul porto peschereccio. Vi raccomandiamo di recarvi al mattino presto al mercato per assistere all’asta del pesce appena pescato.

A soli quattro chilometri si trova un altro balcone privilegiato sull’Atlantico, il Santuario di San Adrián do Mar, da dove è possibile godere di una bella veduta panoramica su Malpica e le Isole Sisargas. Dovete sapere poi che nei mesi di settembre e ottobre è un luogo perfetto per osservare gli uccelli migratori.

Se amate il mare, visitate Laxe, a circa 25 chilometri dal santuario, per godere di una lunga estensione di sabbia e acque tranquille perfette per il bagno dei bambini.

Tradizione viva

La Costa della Morte è terra di tradizioni, soprattutto quelle legate al mare. Una di esse è quella dei percebeiros, pescatori di frutti mare che staccano i saporiti percebes (lepadi) dagli scogli. Potrete osservarli presso le scogliere di O Roncudo, molto vicino a Corme, una bella cittadina con stradine strette e case dai colori vivaci. La ceramica e il ricamo a tombolo sono altre due antiche attività artigianali ancora presenti sulla Costa della Morte. La prima è tipica della località di Buño dove, oltre ad acquistare qualche pezzo per ricordo, potrete partecipare a un corso per imparare a lavorare l’argilla. Il ricamo a tombolo è invece proprio di Camariñas, dove abili artigiane hanno ridato vita a questa tradizione ancestrale.

Sapore di mare

La Costa della Morte ha il sapore del mare. Ve ne renderete conto assaporando i frutti di mare della Galizia, come le lepadi, le telline o le cozze, particolarmente abbondanti in questa zona. C’è chi dice che accompagnati dal vino locale, popolarmente chiamato “albariño”, abbiano un sapore glorioso.

Terra di leggende

La Costa della Morte è terra di leggende. Da tempi immemorabili la gente del posto convive con numerosi miti leggendari. Uno di essi racconta dell’apparizione della Madonna all’apostolo Giacomo su una barca di pietra guidata da due angeli. Due delle pietre che formavano l’imbarcazione sono ancora custodite a Muxía e molti attribuiscono loro proprietà miracolose. Propria questa è l’origine del pellegrinaggio che si celebra a Muxía in onore della Madonna della Barca.

Gli eventi mistici attribuiti alla Costa della Morte sono numerosi e in tanti casi sono legati alla presenza del Cammino di Santiago. Difatti sono molti i pellegrini che concludono il loro percorso sulla Costa della Morte, a Finisterre, dove sorge un faro alto 17 metri che guida migliaia di barche lungo la costa. Anticamente questo luogo era noto come la porta dell’Aldilà e ancora oggi molti pellegrini bruciano qui i loro abiti in un atto simbolico di purificazione, per imprendere un felice viaggio di ritorno dopo aver raggiunto la “fine del mondo”.

Natura, tradizione viva, leggende mistiche e gastronomia saporita in piccole cittadine di mare affacciate sull’Atlantico. È questa la proposta della Costa della Morte. Se non volete perdervi nessun dettaglio, vi raccomandiamo di rivolgervi all’ufficio del turismo della regione.





Da non perdere