Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie





Rappresentano una parte importante del contributo della Spagna alla cultura universale. Sono le città Patrimonio dell’Umanità. Visitarle è un ottimo modo per conoscere la storia della Spagna, la sua ricchezza artistica e le sue tradizioni popolari. Ogni tappa di questo itinerario vi consentirà di scoprire uno spazio urbano unico e diverso. Siete pronti a partire?

Secoli di storia si riflettono in un prezioso retaggio culturale. Monumenti unici e magnifici. Strade che rievocano epoche passate. Storia, arte e architettura confluiscono in modo singolare creando luoghi di grande bellezza: le Città spagnole Patrimonio dell’Umanità. Conoscerle significa scoprire il contributo architettonico più significativo del nostro paese alla cultura universale. Da non perdere.

Percorrete con noi questo itinerario attraverso le Città Patrimonio e scoprirete eccellenti esempi della diversità dei beni culturali spagnoli. Ammirare edifici splendidi e stili artistici differenti è solo una parte delle tante cose che è possibile fare. Potrete viverne le feste e le tradizioni, momenti in cui la città acquisisce un protagonismo speciale e nessuno si sente estraneo. O ancora sperimentare la vitalità dei centri storici, con i loro negozi, i mercati e i locali tipici. E, naturalmente, assaporare la gastronomia locale.

Qualunque sia l’itinerario scelto, vi suggeriamo di visitarle senza fretta. Perché ogni Città Patrimonio si distingue per un elemento o una caratteristica dominante, al di là della quale offre tuttavia molte altre cose interessanti da vedere. Dedicate vari giorni a passeggiare senza fretta per le strade, assaporando tutto quello che vi offrono. E se potete, visitatele anche di notte, quando la bellezza dei monumenti è esaltata in modo spettacolare dall’illuminazione notturna.

Una passeggiata attraverso la storia

Cominciamo il nostro viaggio dal cuore della Spagna, Madrid. La prima tappa si trova a soli 30 chilometri dalla capitale: Alcalá de Henares. Questa località è stata la prima città universitaria al mondo concepita come tale ed è servita da modello per altri centri europei e americani. Vi sembrerà di trovarvi nel XVI secolo mentre ne percorrerete la Calle Mayor, i cortili rinascimentali della secolare Università (dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO insieme al complesso storico della città) e gli antichi palazzi e conventi. Un’altra sosta d’obbligo è presso la Casa dello scrittore Miguel Cervantes: la dimora che ha visto nascere l’autore del Don Chisciotte è un significativo esempio delle abitazioni dell’epoca.

Nel pomeriggio, lasciata Alcalá de Henares, percorriamo i 124 chilometri che ci separano da Segovia. Questa città possiede uno dei complessi romanici più importanti del continente europeo. La prima cosa da vedere è l’Acquedotto romano: senza dubbio quest’opera, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO insieme alla Città Vecchia, vi lascerà senza parole. Il giorno dopo, con calma, scopriremo il fascino del centro storico, le case nobiliari, l’eleganza della cattedrale e l’Alcázar, un castello che sembra uscito fuori da una favola. All’ora di pranzo dovrete assolutamente provare il famoso cochinillo asado (maialino arrosto).

Partiamo quindi alla volta della nostra prossima destinazione: Avila, a soli 67 chilometri da Segovia. Qui potrete capire come si sentiva un cavaliere medievale, dal momento che è il miglior esempio di città fortificata del Medioevo. La cinta muraria è quella che meglio si è conservata in Europa e racchiude al suo interno chiese e conventi, mercatini molto frequentati, palazzi del XV e XVI secolo, e la cattedrale gotica più antica della Spagna. A proposito, non perdetevi la straordinaria vista panoramica che si gode dal belvedere dei Cuatro Postes.

Il giorno seguente, dopo aver trascorso la notte in questa città cinta da mura, percorriamo i 97 chilometri che ci separano da Salamanca. Lasciatevi impressionare dalla monumentalità degli edifici, delle dimore nobiliari e delle cattedrali. Prima di lasciarla non potrete fare a meno di visitarne l’emblematica Plaza Mayor e l’Università, una delle più antiche del mondo, per individuare sulla facciata la famosa rana che, secondo la leggenda, porta fortuna agli studenti.

La mattina del giorno dopo un percorso di 370 chilometri ci condurrà a Cuenca. In questa città architettura e natura si integrano in un equilibrio perfetto. Edificata sulla sommità di due gole, dà la sensazione di trovarsi sospesa per aria. Fra le numerose attrattive non perdetevi la Cattedrale, di origine gotico-normanna, e le curiose case sospese.

Da qui, in poco più di un’ora e mezza, arriviamo a Toledo, un vero museo all’aperto con più di 2000 anni di storia. Per secoli musulmani, ebrei e cristiani hanno convissuto in armonia, lasciando nelle strette stradine e nelle piazzette un prezioso retaggio culturale e monumentale che merita di essere visitato. Il giorno seguente percorriamo i 270 chilometri che separano Toledo da Cáceres. Nel centro storico di questa città vi attende una grande quantità di monumenti, fortezze, palazzi rinascimentali e piazze medievali.

Da qui potremo percorrere 80 chilometri per raggiungere Mérida, dove l’impronta dell’antico Impero Romano è rimasta indelebile nelle strade. Percorrendole scoprirete monumenti come il Teatro, l’Anfiteatro romano e l’Arco di Traiano. Un ricco complesso archeologico in magnifico stato di conservazione che vi trasporterà nel passato.

Da Mérida il viaggio può proseguire fino a Cordova lungo un percorso di 300 chilometri. Se lo preferite, potrete anche prendere un treno ad alta velocità (AVE) che collega Madrid con Cordova in un’ora e 40 minuti. Vale la pena di soffermarsi su questa città, dove potrete ammirare lo splendore della cultura araba. Girovagando senza meta per le strade irregolari, le piazze e i giardini, scoprirete il quartiere ebraico, la bella Moschea - considerata il monumento islamico più importante d’Occidente - e altri gioielli monumentali come l’Alcázar dei Re Cristiani.

Ma le città Patrimonio dell’Umanità che si trovano in Spagna non sono tutte qui. Se avete ancora un po’ di tempo a disposizione visitate anche Santiago de Compostela nella Spagna nord-occidentale, Tarragona nella Spagna nord-orientale, Ibiza nelle Isole Baleari e San Cristóbal de la Laguna nelle Isole Canarie.

Venite in Spagna a scoprire il piacere della storia in questi luoghi di valore universale. Non ve ne pentirete.





Da non perdere