Statua del Cid a Burgos © Miguel Ángel Muñoz Romero. Gruppo RV Edipress

Cammino del Cid: rivivendo le avventure di un cavaliere del XI secolo

Hai mai sentito parlare dell'opera «Cantar de Mío Cid»? È un famoso poema castigliano del XII secolo che narra la storia del leggendario cavaliere Rodrigo Díaz de Vivar, il Cid Campeador. Ti consigliamo di rivivere le sue avventura in maniera divertente: attraverso un viaggio in Spagna che ripercorre le stesse strade del libro. L'idea è percorrere un itinerario turistico e culturale che ti condurrà all'interno e all'est del Paese, attraversando le terre di Castiglia e León, Castiglia-La Mancia, Aragona e la Regione Valenciana.

Durante il percorso, ti attendono luoghi dichiarati Patrimonio Mondiale; esempi di arte romanica, mozarabica, islamica e gotica e oltre 70 aree naturali protette. Sebbene si tratti di percorsi tra i 50 e i 300 km collegati tra loro, nel complesso formano 2.000 km di strade asfaltate e 1.400 km di sentieri segnalati.  L'intero Cammino è suddiviso in cinque tratti, in base ai diversi episodi narrati nel poema del «Cantar de Mío Cid». Potrai ripercorrere ciascun tratto a piedi (principalmente tra sentieri e percorsi rurali), in mountain bike (anche in questo caso, principalmente tra sentieri e percorsi rurali), in bici da cicloturismo classico (se sei un ciclista che preferisce l'asfalto), in macchina o in moto (tramite strade secondarie e alcune vie veloci). Considera che anche dal tratto principale si diramano altri piccoli percorsi tematici. Sono i cosiddetti «anelli», di struttura circolare, che iniziano e terminano nello stesso luogo; e le «biforcazioni», tragitti lineari che deviano dal percorso per motivi storici. Cliccando su uno qualunque dei 5 link che compaiono di sotto, potrai leggere informazioni più dettagliate su ciascuno dei tratti principali.

Cammino del Cid. Primo tratto: L'esilio

Nel «Cantar de Mío Cid» si narra l'esilio del Cid nel 1088 a causa del re Alfonso VI. Accompagnato dalla sua famiglia e pochi cavalieri leali, abbandonò Castiglia. Questa prima parte del percorso del Cammino del Cid ripercorre il viaggio del famoso cavaliere da Vivar del Cid (Burgos) fino alla città di Atienza (Guadalajara).   Questo tratto attraversa le province di Burgos, Soria e Guadalajara. È costituito da circa 341 km di carreggiata e 285 km di sentieri suddivisi in tappe. Se viaggi in macchina, ti consigliamo di ripercorrerlo in quattro giorni così da poter visitare tutti i luoghi con più tranquillità. L'alternativa per i camminatori durerebbe 15 giorni, mentre per i ciclisti sarebbero cinque. Parte da luogo di nascita del protagonista: Vivar del Cid. Attraversa paesaggi costituiti da campi coltivati, montagne e boschi; scoprirai città, cittadine storiche e importanti monumenti. Per non farti sfuggire niente, ti consigliamo di rivolgerti all'ufficio del turismo presente in ogni luogo.

Luoghi d'interesse

Burgos è uno dei luoghi in cui vale la pena fermarsi. La Cattedrale, dichiarata Patrimonio Mondiale dall'UNESCO, ospita i resti del Cid e di sua moglia, doña Jimena. Ciononostante, vi sono molti monumenti da vedere in questa città, tra cui la Chiesa di San Nicola o il Monastero degli Scioperi. Poco più avanti, imperdibile appuntamento con il Monastero di San Pietro di Sardegna, luogo in cui il Cid lasciò moglie e figlie per andare in esilio. Dopo aver visitato Covarrubias, puoi andare alla ricerca di un altro centro monacale importante in questo viaggio: il Monastero di Santo Domingo da Silos, congregazione a cui il Cid ha donato alcuni lasciti. Il famoso chiostro è un vero gioiello del romanico. Dello stesso stile anche le chiese di Castillejo de Robledo, con pitture murali, di San Michele e di Nostra Signora del Rivero a San Esteban de Gormaz.

Prima di arrivare a Gormaz, dove troviamo il castello califfale di cui fu sindaco il Cid, conviene fermarsi a El Burgo de Osma e visitare la Cattedrale gotica e il centro storico. Berlanga de Duero è un altro paesino importante di questo percorso sul Cid, a cui il re Alfonso VI concesse la signoria nel 1089. Il castello, a pianta rinascimentale, o la chiesa collegiata sono solo alcune delle attrazioni. Anche la parte finale di questo tratto è interessante, Atienza. Le strade sono ricolme di case nobili e di tempi rimanici e gotici. Inoltre, dal castello è possibile ammirare panorami meravigliosi.


Ti sono state utili queste informazioni?



COSA FARE IN SPAGNA? PRENOTA QUI LA TUA ATTIVITÀ

X
Spain SivigliaBarcellonaMadridCordovaMalagaValenciaLa CoruñaCadiceGranadaHuescaAlicanteCáceresGuipúzcoa - GipuzkoaPontevedraMurciaLleidaLa RiojaAsturieCastellón - CastellóCantabriaVizcaya -BizkaiaToledoLugoGironaÁlava - ArabaJaénBurgosAlmeríaTarragonaHuelvaLeónTeruelÁvilaSegoviaCiudad RealSalamancaSaragozzaValladolidBadajozNavarraCuencaZamoraPalenciaSoriaOrenseAlbaceteGuadalajaraCanarieBaleari
X
Baleares MaiorcaIbizaMinorcaFormentera
X
Canarias LanzaroteLa PalmaGran CanariaTenerifeFuerteventuraGomeraIsola di El Hierro