Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Badajoz, il paradiso del prosciutto iberico




Localizzazione

Comunità Autonoma:
Estremadura

Provincia / Isola:
Badajoz

Badajoz


Il prosciutto iberico è uno dei prodotti di riferimento della gastronomia spagnola. E uno dei posti migliori per assaporarlo è la zona di Badajoz, in Estremadura. Vi invitiamo a scoprire 10 località di questa regione dove il prosciutto iberico è protagonista. Un autentico regalo per il palato.

Durante il vostro viaggio a Badajoz, vi renderete conto che questa zona della Spagna possiede una delle più vaste praterie esistenti. Il paesaggio è popolato da querce da sughero, lecci e ghiande, un posto perfetto per l'allevamento dei maiali. Tutte queste caratteristiche hanno determinato la nascita della Denominazione d'Origine Dehesa de Extremadura. Se desiderate provare un prosciutto saporito e succulento, e vedere come si taglia e si serve, vi raccomandiamo di visitare una qualsiasi delle 10 località della sierra meridionale della provincia suggerite di seguito. Possiedono tutte ristoranti e negozi perfetti per assaporare e acquistare questa delizia tipicamente spagnola. Si trovano a poca distanza l'una dall'altra e, se avete qualche giorno a disposizione, sarà sicuramente più comodo percorrerle in automobile. Organizzate il viaggio come meglio preferite. Ogni località merita una visita, per diversi motivi gastronomici e culturali.

Oliva de la Frontera
È una località perfetta per assaporare un buon prosciutto, ma potrete anche conoscere l'eremo di Nuestra Señora de la Gracia, la chiesa parrocchiale di San Marcos e la Plaza Mayor. Se scegliete di visitarla nel periodo di Pasqua, potrete ammirare la rappresentazione della "Passione Vivente".

Jerez de los Caballeros
Si trova a 20 chilometri da Oliva de la Frontera. Qui assaporerete gustose porzioni di prosciutto iberico e vedrete come lavora una fabbrica di salumi. Sono da provare anche il lonzino ("lomo") e diversi tipi di salame ("salchichón" e "chorizo templario"). Inoltre, nel mese di maggio si celebra il Salone del Prosciutto, una delle principali vetrine di questo prodotto, con giornate gastronomiche e degustazioni. Per quanto riguarda i monumenti, meritano una visita il "Dolmen del Toriñuelo", la Fortezza e la "Torre Sangrienta”, dell'epoca dei templari.

Fregenal de la Sierra
Situata a poco più di 20 chilometri di distanza da Jerez de los Caballeros, questa cittadina è rinomata per la produzione di prosciutto e dei suoi derivati. Particolarmente interessanti il castello, l'arena e la chiesa parrocchiale di Santa María del Castillo. A metà agosto potrete assistere al Festival Internazionale della Sierra.

Higuera la Real
A cinque chilometri da Fregenal de la Sierra, a Higuera la Real è d'obbligo provare pietanze come lo stufato di zampetto di maiale, il "caldillo"… Una tranquilla passeggiata vi condurrà fino alla chiesa di San Bartolomé, la chiesa di Santa Catalina e la "Lapide di Capote", di origine celtica.

Segura de León
A circa 20 chilometri si trova Segura de León, dove potrete assaporare deliziosi funghi con maiale. E dopo un buon pasto, sicuramente avrete voglia di scoprire il castello, la chiesa parrocchiale di Nuestra Señora de la Asunción, il Palazzo del Comune con i suoi portici e il convento del Cristo della Reja. Durante la seconda settimana di settembre potrete divertirvi ad assistere alle sue "capeas" (corride di vitelli o torelli).

Cabeza la Vaca
Dista circa 12 chilometri dalla località precedente ed è famosa per il prosciutto iberico, i salami e i lonzini. Se deciderete di visitarla, preparatevi a fotografare la colonna giurisdizionale o "picota" del XVI secolo e la chiesa parrocchiale di Nuestra Señora de los Ángeles.

Calera de León
A meno di 10 chilometri troverete Calera de León, dove potrete assaporare un prosciutto con un'eccellente stagionatura e deliziosi insaccati. Spicca la presenza del convento di Santiago, la chiesa parrocchiale di Santiago el Mayor e il monastero di Nuestra Señora de Tentudia.

Monesterio
Il mese migliore per visitare Monesterio (sette chilometri più avanti) è settembre, in occasione della festa del prosciutto. In questi giorni vi inviteranno a mangiare un panino con il prosciutto iberico e potrete vedere diversi essiccatoi aperti al pubblico. Qui potrete sempre visitare la chiesa parrocchiale di San Pedro Apóstol e le rovine medievali del Castello delle Torri.

Ponte di Canto
A 20 chilometri verso nord vi troverete a Fuente de Cantos, rinomata anche per la "chanfaina de cordero", una pietanza a base di agnello. Qui potrete visitare la casa-museo del pittore Zurbarán.

Zafra
A circa 30 chilometri di distanza si trova Zafra, sede della Fiera del Bestiame. Oltre al prosciutto iberico, dovrete assolutamente provare i famosi dolci del convento delle clarisse. Inoltre possiede un complesso storico artistico con monumenti di interesse, come l'Alcázar dei duchi di Feria (oggi Parador de Turismo), la chiesa collegiata della Candelaria, i conventi di Santa Clara e di Santa Catalina e l'Ospedale di Santiago.

In questa parte della Spagna vi suggeriamo di provare anche altre pietanze tipiche, come gli asparagi verdi, i cardi, le animelle, la pernice sott'olio e il risotto con colombacci. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare i siti web ufficiali del Turismo dell'Estremadura e del Turismo di Badajoz.





Da non perdere