Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie






Localizzazione

Comunità Autonoma:
Asturie

Asturias


È la terra che ha conquistato il regista Woody Allen e ha visto nascere il campione di Formula 1 Fernando Alonso. Anche voi resterete impressionati dalla ricchezza culturale delle Asturie. Sono molte le opportunità di divertimento offerte da questa regione del nord della Spagna. Volete scoprirle?

Tra mare e montagne vi attendono le Asturie, una regione che racchiude una natura e una varietà di paesaggi che vi lasceranno senza parole. E tuttavia non è questo l’unico motivo per cui vale la pena di conoscere questo territorio della Spagna, custode di un prezioso e importante patrimonio culturale. Prendete nota, perché c’è molto da vedere.

La grandezza nella semplicità

Nessuno ha dubbi: un viaggio nelle Asturie non può prescindere dalla visita delle manifestazioni architettoniche dell’arte preromanica. Si tratta di uno stile originale e unico al mondo, impressionante per la semplicità estetica e che al tempo rappresentò un momento di grande innovazione. Non a caso gli edifici costruiti sotto il suo influsso tra l’VIII e il X secolo sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Nella città di Oviedo e dintorni potrete ammirare i monumenti più rappresentativi come, ad esempio, le chiese di San Julián de Prados, Santa María del Naranco, San Miguel de Lillo e Santa Cristina de Lena. Oltre all’arte pre-romanica, non dimenticate di visitare la Cattedrale e l’Università, o di percorrere il centro storico.

Città da ammirare

Nell’entroterra delle Asturie dovrete fare necessariamente tappa presso il Santuario di Covadonga, all’interno del Parco Nazionale dei Picos de Europa. Sulla costa invece vi sorprenderanno la bellezza del centro storico di Avilés e la città di Gijón, dove potrete scoprire diversi luoghi di interesse, come le terme romane, il quartiere di Cimadevilla, l’Orto Botanico Atlantico e il centro Laboral, uno spazio in stile classicista riconvertito oggi in un grande complesso culturale. Vi consigliamo anche di dedicare un po’ di tempo alla visita di alcuni paesini e cittadine marinare dal fascino particolare, come Luarca, Cudillero e Llanes.

Sulle tracce del passato

Ma c’è di più. Sapevate che il patrimonio culturale delle Asturie risale alla preistoria? La regione è famosa per la presenza di numerose grotte e dipinti rupestri, e i resti paleolitici rinvenuti nelle grotte di Tito Bustillo, la Peña de Candamo, Llonín, El Pindal e Covaciella sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità. Potrete ammirarne la ricchezza artistica direttamente, visitando alcuni siti o contemplandone la riproduzione nel Parco della Preistoria di Teverga. Anche la cultura celtica ebbe grande rilievo nella zona, come dimostrano i numerosi insediamenti che si conservano ancora oggi. Quello di Coaña, compreso nell’area del Parco Storico del Navia, è uno dei più importanti.

Se viaggiate con bambini, sappiate che la proposta che stiamo per farvi li conquisterà: potranno osservare con i loro occhi le impronte lasciate dai dinosauri nelle Asturie milioni di anni fa. Basta seguire l’itinerario litoraneo che percorre i siti paleontologici esistenti tra le località di Villaviciosa e Ribadesella. Il Museo Giurassico di Colunga (MUJA) sarà la ciliegina per questo viaggio nel passato. Da non dimenticare neanche la tradizione mineraria asturiana: differenti itinerari turistici e il Museo Minerario di El Entrego vi avvicineranno a quella che, per secoli, è stata una delle attività principali della regione.

Asturie in festa

Le feste sono un altro aspetto delle Asturie da non tralasciare. Dalla Discesa Internazionale del Sella, evento di fama internazionale che unisce sport e divertimento in egual misura, alle popolari feste gastronomiche, come il Festival del Sidro Naturale o la Sagra del formaggio Cabrales, dove si degustano prodotti tipici della terra a contatto con un ambiente fantastico. Non aspettate che ve lo raccontino.





Da non perdere