Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Localizzazione

Comunità Autonoma:
Aragona

Provincia / Isola:
Saragozza

Zaragoza
Tipo di itinerario:
Monumentale

Il pennello universale di Francisco de Goya

Francisco de Goya y Lucientes, uno dei più grandi creatori della storia della pittura, nacque a Fuendetodos, un piccolo paesino dell'Aragona. Sebbene la sua longeva carriera lo condusse in diversi paesi, lasciò nelle sue terre numerose testimonianze del suo talento artistico. Da Saragozza a Fuendetodos, da Calatayud a Huesca: un itinerario sulle sue tracce offrirà un'eccellente occasione per visitare la regione.

Leggi tutto

Saragozza sarà il centro nevralgico di questo itinerario che si può realizzare in un fine settimana. Da questa città partono infatti tre escursioni sulle tracce dell'artista aragonese. Proprio a Saragozza Goya trascorse gli anni della formazione come pittore, portando a termine diversi incarichi dei quali resta ancora testimonianza.
Innanzitutto lavorò alla Basilica del Pilar, decorando la volta del Coretto con l'affresco dell'Adorazione del Nome di Dio (1772) e la cupola e i pennacchi del Regyna Martirum (1780-1781) nella navata nord della chiesa. Successivamente visiteremo la chiesa di San Fernando, per il cui altare dipinse tre tele. Nel palazzo episcopale si conserva invece un ritratto dell'Arcivescovo Joaquín Company dipinto nel 1800.
L'impronta del pittore aragonese è presente anche nel Museo di Saragozza, che custodisce una collezione permanente delle sue opere, e nel Museo Ibercaja "Camón Aznar" (MICAZ), che possiede una sala dedicata alla sua opera grafica.
La prima escursione sulle tracce di Goya ci porterà lungo l'autostrada A-23 fino alla località di Muel (a 27 chilometri). Nell'eremo di Nuestra Señora de la Fuente potremo ammirare il ciclo di affreschi dedicati ai Padri della Chiesa, realizzati per i pennacchi della sua cupola.
Senza dimenticare che qui ci troviamo nel territorio di Cariñena, terra di vigneti. Da Muel ci dirigeremo verso Villanueva de Huerva (16 chilometri), proseguendo poi per altri 6 chilometri fino a Fuendetodos.
Fuendetodos rende omaggio al suo figlio più illustre con la Casa Natale di Goya e il Museo dell'Incisione di Goya, dove si trova un'esposizione permanente dedicata all'opera grafica dell'artista, con le serie di incisioni dei Capricci, i Disastri della Guerra, La Tauromachia e gli Spropositi.
In seguito percorreremo i 40 chilometri che ci separano da La Almunia di Doña Godina. Da qui prenderemo l'autostrada A-2 in direzione a Calatayud, situata a 25 chilometri. Nella chiesa di San Juan el Real, un giovane Goya (aveva 20 anni) dipinse i quattro pennacchi della cupola.
Di ritorno a Saragozza, la seconda escursione si dirige lungo la riva dell'Ebro verso Alagón (25 chilometri) e da lì a Remolinos (9 chilometri) e Pedrola (11 chilometri). Nel convento di San Antonio de los Jesuitas di Alagón, nel 1771, Goya dipinse un affresco per la cupola della scala principale, a Remolinos decorò i quattro pennacchi della cupola della chiesa parrocchiale e a Pedrola il palazzo dei Duchi di Villahermosa custodisce diversi quadri del pittore.
Il terzo e ultimo itinerario prevede due tappe. La prima è la Certosa di Aula Dei, situata a 11 chilometri da Saragozza, vicino alla fertile pianura del fiume Gállego. All'interno della sua chiesa, nel 1774, Goya dipinse undici affreschi dei quali se ne conservano sette.
Quindi prenderemo l'autostrada A-23 per raggiungere la città di Huesca (a 72 chilometri). Qui, il Museo Provinciale conserva diverse stampe e incisioni di Goya, tra cui spicca la serie di litografie "Tori a Bordeaux".

Chiudi



Percorso


Da non perdere