Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie




Localizzazione

Comunità Autonoma:
Paesi Baschi

Provincia / Isola:
Vizcaya -Bizkaia

Bizkaia
Tipo di itinerario:
Urbana

Tra il ferro e l'arte

La Ría del Nervión, il territorio più popoloso dei Paesi Baschi, si sviluppa intorno alla città di Bilbao e al suo porto commerciale. Le località distribuite sulla riva sinistra sono storicamente dipese dall'attività portuale, mineraria e industriale, e negli ultimi anni sono state ristrutturate e rinnovate secondo i criteri delle tendenze architettoniche più innovative.

Leggi tutto

Per realizzare questo itinerario è sufficiente una giornata. I mezzi di trasporto pubblici (autobus, treni locali RENFE linea C-1) rappresentano l'alternativa più comoda per conoscere le varie località sulla riva sinistra della Ría di Bilbao o del Nervión. Vi raccomandiamo poi di concludere la visita facendo una passeggiata in barca sulla Ría.
Il percorso può cominciare dal centro storico di Bilbao, trasformato in spazio pedonale, commerciale e di svago. Qui si conservano gli angoli e gli edifici più antichi della città, come la chiesa gotica di San Antón (sec. XIV), la cattedrale di Santiago (XIV-XVI) e la Plaza Nueva. In questa zona si trovano anche la basilica della Virgen de Begoña (sec. XVI) e il Teatro Arriaga (1886-1890), opera di Joaquín Ruicoba.
La parte nuova della città, distribuita intorno alla Gran Vía, possiede edifici come il Palazzo dell'Amministrazione Provinciale di Biscaglia, in stile eclettico (secc. XIX-XX), e il Teatro Campos Elíseos, in stile art nouveau.
Proseguendo lungo la Ría potrete ammirare edifici e opere architettoniche moderne, come il ponte di Deusto (1936, Ignacio de Rotaeche), e avanguardiste, come le passerelle di Santiago Calatrava (1996) e di Arata Isozaki (2007), le torri del complesso Isozaki Atea (2004), il Museo Guggenheim di Frank Gehry (1991-1997) e il complesso formato dal ponte Euskalduna (1997, Ricardo Manterola), il palazzo Euskalduna (1991-1998, Federico Soriano) e il Museo Marittimo Ría di Bilbao (inaugurato nel 2003).
A partire da questo punto, la Ría si allontana da Bilbao addentrandosi in una zona dove potrete osservare un bell'esempio di "archeologia industriale". Alcuni edifici e strutture portuali e industriali sono ancora in piena attività, mentre altre sono testimonianze della tradizione industriale della Grande Bilbao.
Le città situate sulla riva sinistra conformano un complesso urbano lungo circa 15 chilometri. La prima è Barakaldo, che dal 2004 ospita la Fiera Campionaria di Bilbao, presso il Bilbao Exhibition Center (BEC). Qui è possibile vedere l'edificio più alto dei Paesi Baschi: la Torre BEC di César Azcarate ed Esteban Rodríguez. Nella seconda cittadina, Sestao, potrete visitare uno dei forni della storica impresa Altos Hornos de Vizcaya, predisposto per le visite, o passeggiare nei parchi di Markonzaga, Ondejeda e Benedicta.
Portugalete è la località della Ría di maggior interesse architettonico. Da segnalare, nel centro storico, la basilica di Santa María (gotico-rinascimentale), la torre di Salazar (sec. XIV) e il convento di Santa Clara (rinascimentale e plateresco). Inoltre, nel suo territorio comunale, a unire i due margini della Ría, si trova il Ponte Sospeso o ponte di Biscaglia, costruzione in ferro del 1893, opera dell'architetto Alberto de Palacio y Elissague iscritta nell'elenco del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 2006.
L'itinerario si può quindi concludere nella cittadina di Santurtzi, situata presso l'Abra o Gran Porto di Bilbao, dove la Ría si apre sul mar Cantabrico. Qui potrete passeggiare nel porto peschereccio o sul lungomare Reina Victoria, o ancora visitare il Museo di Scultura all'aperto. E poi i palazzi Oriol e del marchese di Casa Torre e le chiese della Virgen del Mar e di San Jorge.

Chiudi



Attività

  • Itinerari in barca

Percorso


Da non perdere