Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie





Dati di contatto

Tel.:+34 948427638

Localizzazione

Parco Naturale di Urbasa e Andía



Descrizione

Il regno dei faggi

Le Sierre di Urbasa e Andía formano un impressionante massiccio carsico situato al confine con la provincia di Álava, a est della Navarra. È qui che nasce la maggior parte dei fiumi e dei ruscelli che solcano la regione.

Il faggeto rappresenta la più vasta massa forestale del parco, dato che occupa le grandi pianure delle sierre e le pendici rivolte a nord. Dal canto suo, il quejigo (Quercus lusitanica) si estende sui versanti meridionali di Andía, mentre il tratto alto del fiume Urederra è caratterizzato da roveri, faggi, tigli e da un’eterogenea vegetazione. I numerosi stagni e bacini sono l’habitat ideale per anfibi come la salamandra, il tritone marmorato, il rospo calamita e la rana temporaria. Tra l’avifauna spiccano il picchio dorsobianco, il picchio nero e il rampichino alpestre. Nelle impervie pareti nidificano l’aquila reale, l’avvoltoio, il gufo reale, il capovaccaio, il falco pellegrino, il gracchio alpino e il rondone maggiore. Tra i mammiferi delle sierre spicca la presenza del cinghiale, della genetta, del gatto selvatico, del tasso e del ghiro.

Comuni

Navarra (Navarra)

Olazti-Olazagutia


Tipo di spazio
Parco Naturale

Superficie
21408 ettari

Mappa

Come accedere e ambiente circostante

Informazioni culturali

A 17 km da Lecumberri si trova il santuario romanico di San Miguel, costruito tra il IX e il XII secolo. È oggetto di un’affascinante leggenda ed è aperto tutto il giorno tranne che dalle ore 14 alle 16.

Informazioni ambientali

Il faggeto rappresenta la più estesa massa forestale di questo massiccio della Navarra. Questo habitat è perfetto per numerose specie anfibie come la salamandra, il tritone marmorato, il rospo calamita e la rana temporaria. Le aspre vette sono abitate dall’aquila reale, l’avvoltoio, il gufo reale, il capovaccaio e il falco pellegrino. Nelle sierre, i protagonisti sono il cinghiale, la genetta, il gatto selvatico, il tasso e il ghiro.

Informazioni visite

Per arrivare al parco da Bilbao e Vitoria, prendere la N-204 fino a Olazagutía. La NA-120 attraversa la sierra passando per il valico di Lizárraga. Da Logroño, seguire la N-111 fino a Estella e Zudaire.