Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie



Requena


Itinerario enoturistico di Utiel-Requena



Dati di contatto

Asociación Ruta del Vino Utiel-Requena
Calle Cuesta Carnicerías, 9
Requena, Valencia  (Comunità Valenciana)
info@rutavino.com
http://www.rutavino.com
Tel.:+34 962303772



Descrizione

Visitate la zona di Utiel-Requena, a Valencia, e godete appieno dell'appassionante mondo della vite e del vino. Situata nella parte nordoccidentale della provincia, al confine con la Castiglia-La Mancia, da più di 2500 anni vi si produce un vino eccezionale. Venite a conoscere questa terra percorrendo l'Itinerario enoturistico che la attraversa. Vi sorprenderà il suo paesaggio montuoso, dove i vigneti si alternano a bellissimi spazi naturali. Scoprirete un ricco patrimonio monumentale, come quello dell'architettura medievale di Requena e Utiel, e numerose proposte che vanno dagli itinerari standard a viaggi su misura. E naturalmente degusterete vini il cui sapore non vi lascerà indifferenti.

I vini dell'itinerario

La Denominazione d'Origine Utiel-Requena tutela 40.000 ettari di vigneti. Per la vinificazione si utilizzano diverse varietà d'uva, in particolare l'uva Bobal, autoctona e particolarmente diffusa. Di fatto è praticamente l'unica zona del mondo dove viene coltivata e il risultato è un vino genuino, di alta qualità e con un carattere e una personalità ben definiti. La maggior parte dei vini invecchiati a Utiel-Requena sono rossi, di color ciliegia scuro e aromi fruttati. I vini rosé sono altrettanto squisiti, come i bianchi che presentano aromi intensi e fruttati e un colore giallo, con tonalità oro e paglia. Il cava, che va acquisendo un protagonismo sempre maggiore, è un altro dei prodotti di spicco della zona.

Cosa offre la zona

Più di 100 cantine distribuite sul territorio, dove potrete assistere a degustazioni di vini che si avvalgono della presenza di specialisti in materia e scoprirete il sapore del cava (spumante) valenciano e il colore dell'uva Bobal. Un'eccellente gastronomia locale con piatti tipici come l'ajoarriero, il riso in casseruola e la zuppa di patate. Un percorso attraverso la storia del vino locale grazie a musei come quello della Vite e del Vino di Utiel, allestito all'interno di una curiosa cantina a struttura circolare. Paesaggi spettacolari, tra cui quelli dei parchi naturali come quello delle anse del Cabriel e del Chera. Inoltre potrete praticare sport d'avventura e all'aperto, come canottaggio, sentierismo, cicloturismo, ippica, rafting e scalata. Un esteso patrimonio artistico che merita di essere ammirato, dove non mancano l'architettura medievale, i siti archeologici, le gallerie sotterranee, le mura di cinta e i quartieri mudéjar. Feste tradizionali come la Vendemmia di Requena. Per ulteriori informazioni vi raccomandiamo di rivolgervi agli uffici del turismo della zona.

Come arrivare

L'Itinerario enoturistico di Utiel-Requena si snoda all'interno della provincia di Valencia, nella Spagna orientale. L'aeroporto di Valencia si trova a 70 chilometri di distanza. Inoltre sono disponibili servizi di autobus e ferroviari con stazioni presso i comuni di Utiel, Camporrobles e Requena. La superstrada A-3 collega questa zona con il capoluogo della regione (68 chilometri) e con Madrid, che si trova a meno di tre ore di distanza.

Servizi





Città enoturistiche

Sebbene l'itinerario prenda il nome dalle due località più grandi del territorio, è formato da un totale di 10 comuni: Camporrobles, Caudete de las Fuentes, Chera, Fuenterrobles, Requena, Siete Aguas, Sinarcas, Utiel, Venta del Moro e Villagordo del Cabriel. Tutta questa zona, a poco più 60 chilometri dal mar Mediterraneo, rappresenta il cuore dei vigneti della Comunità Valenciana e possiede molteplici cantine, ristoranti, alloggi, musei, negozi di artigianato e imprese dedicate ad attività di turismo attivo. Una grande offerta turistica integrata dalla lunga tradizione vitivinicola della zona che risale al VII secolo prima di Cristo.