Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie






Localizzazione

Comunità Autonoma:
Navarra

Navarra

Navarra, il gusto della varietà

Si dice che il buon gusto consiste nel variare e in Spagna la Comunità Autonoma della Navarra è una regione con una grande varietà di paesaggi. Qui si alternano valli con boschi frondosi, rumorose cascate e importanti corsi fluviali. Anche nella gastronomia e nei prodotti tipici esiste varietà: cambiano man mano che ci si sposta verso la zona dei Pirenei, o verso quella rivierasca, oppure nella zona intermedia, dove abbondano pascoli e valli verdeggianti. Ma c’è qualcosa che non cambia: la generosità dei paesaggi e dei prodotti.

Un altro elemento comune è la predilezione per gli ingredienti naturali, che danno ai piatti di questa zona un sapore inconfondibile; il sapore della buona tavola, che affascina il viaggiatore che decide di percorrere gli itinerari della Navarra. La zona cerealicola e i campi sono due aree molto differenti. Tuttavia presentano elementi comuni a quell’antico Regno, famoso per la buona cucina.

Leggi tutto

Dalla montagna ai campi La Comunità della Navarra è circondata dai Pirenei. Prodotti tipici abbondanti nella zona montana sono il latte, il formaggio, la carne (ovina e bovina), le castagne, le nocciole, le famose patate Aézcoa... È da segnalare la ricchezza del campo, dove si possono trovare pomodori, borragine, piselli, lattuga, peperoni, cardo, verza, cavoli e bietole. Nei Pirenei occidentali si preparano molto bene la trota di fiume o il salmone del Bidasoa, molto apprezzato e sempre più scarso. E per cominciare, non vi potete perdere gli asparagi della zona rivierasca, i peperoni della varietà piquillo e i carciofi di Tudela.
In Navarra si mangia sempre bene. Forse per l’influenza che hanno sempre avuto i monasteri che si trovano in questa regione, dove si alimentava lo spirito, ma anche il corpo. Dalle alubias pocha, fagioli tipici di Sangüesa, agli zampetti di maiale, il visitatore che lo desidera può degustare una grande varietà di prodotti e piatti tipici. È d’obbligo assaggiare l'agnello al chilindrón (con peperoni secchi) a Pamplona e, ovviamente, le fette di pane tostato con aglio e olio, il maiale o il maialino da latte arrosto di Estella e le ciliege di Ciriza. Tutti questi alimenti, e molti altri ancora, soddisfano il palato di chi li assaggia e invitano al bis.
Oltre alla carne bovina e a quella suina, è degna di essere menzionata la selvaggina, e in particolare il piccione, il capriolo, la lepre, la pernice e la quaglia. Negli ultimi tempi nella cucina della Navarra è stata introdotta una novità che ha avuto un grande successo: l'anatra da ingrasso del territorio di Aranaz, che produce un foie-gras davvero eccellente.

Vini e ristoranti La Navarra condivide assieme a La Rioja e ai Paesi Baschi la Denominazione di Origine Rioja per alcuni dei suoi vini (sei municipi della Navarra presentano questa Denominazione), ma ha anche una denominazione propria: la Denominazione di Origine Navarra, dove spiccano i vini rossi, che rappresentano quasi un 90% del totale, seguiti dai vini rosé e dai bianchi. Per quanto riguarda le cantine, spicca Julián Chivite, con bianchi, rosé e rossi di altissimo livello, così come Bodegas Ochoa, a Olite, Irache, Príncipe de Viana o Señorío de Otazu. Il Pacharán è un prodotto tipico della Navarra, che si ottiene mescolando il frutto di un piccolo arbusto silvestre, la prugnola, con anice e acquavite. Questo liquore, che nacque come medicinale, si fabbrica attualmente in modo industriale, tuttavia l'elaborazione casereccia è ancora oggi frequente in Navarra.
Il visitatore che desidera assaggiare prodotti di stagione della Navarra può farlo presso il ristorante Hartza, uno dei templi culinari della regione, qualificato con due soli dalla guida CAMPSA. È possibile optare anche per il ristorante Maher, con due soli, dove hanno ancora un posto nel menu i piatti della terra, o ci si può recare al Rodero o al Túbal, qualificato con due soli della guida CAMPSA.

Chiudi