Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie



Localizzazione

Comunità Autonoma:
Castiglia e Leon

Provincia / Isola:
Zamora

Zamora

La località di Zamora, nella Castiglia e León, conserva nel suo centro storico un'importante eredità romanica, che le è valsa la menzione di Complesso Storico-Artistico. È situata sulle sponde del fiume Duero, in piena Via dell’Argento, e la sua importanza medievale ha lasciato tracce in mura, palazzi e chiese. Per conoscere un po’ la storia e l’arte della provincia, non c’è nulla di meglio che visitare alcune delle località dell'Itinerario del Duero e della Via dell’Argento. Per approfondire la conoscenza si può godere della sua gastronomia e delle sue tradizioni, come la celebrazione della Settimana Santa, dichiarata festa d’Interesse Turistico Internazionale.

Leggi tutto

Il Ponte di Pietra che scavalca il Duero dà il benvenuto a questa città dalla forte impronta medievale, nota come la Città del Romanico. Le sue costruzioni ci riportano indietro nel tempo, nel Medioevo, epoca il cui la città subì assedi ed attacchi. La cosiddetta Bien Cercada, ovvero ben cinta in ragione della triplice cinta difensiva, conserva quasi integralmente il primo recinto di questa struttura. Tra i tratti di mura si ricorda il passaggio della Traición e la porta di Doña Urraca y del Obispo.
E il Castello e la Cattedrale dominano tutto il tracciato.

Gioiello del romanico
Questa fortezza di origine araba, circondata dal parco del castello, conserva ancora il Maschio, la porta e il fossato. Al suo fianco, si stagliano la torre e il ciborio della cattedrale di Zamora, che rappresentano, senza dubbio, gli elementi più caratteristici. La cupola rivestita di scaglie di pietra, in stile bizantino, fu costruita nel XII secolo, mentre la torre romanica che l'affianca risale al XIII secolo. All'interno della chiesa, si notano le inferriate e i pulpiti in ferro battuto, i bassorilievi degli stalli del coro e il chiostro neoclassico, che ospita il museo cattedralizio.
Lungo il nostro itinerario verso la piazza Mayor, attraverso vicoli e stradine acciottolate, ammireremo un nitido complesso di chiese romaniche, come quelle di San Ildefonso, La Magdalena o San Cipriano. Volte a croce gotica, absidi e portali adornati con motivi vegetali e i rilievi più antichi della città, sono solo alcuni dei gioielli che si possono incontrare lungo questa piacevole passeggiata monumentale. Vale la pena soffermarsi ad ammirare i capitelli e gli archivolti di tutte le chiese romaniche incontrate lungo la passeggiata.
Nell'ambito dell'architettura civile, si ricordano alcuni edifici più caratteristici in stile rinascimentale: l'Ospedale dell'Encarnación, sede dell'Amministrazione Provinciale, il Municipio Vecchio, fatto costruire dai Re Cattolici, il Palazzo dei Momos, attuale sede del palazzo di giustizia, o il Palazzo del Cordone, che ospita il Museo di Zamora. Altro gioiello dell'architettura rinascimentale è il Palazzo dei Conti de Alba de Aliste (XV secolo) oggi Parador de Turismo (hotel realizzati in posizioni particolari o edifici storici). In questo Parador è possibile riposare in un letto a baldacchino, ammirarne i patii e assaporare le specialità gastronomiche della regione. L'arroz a la zamorana (risotto alla maniera di Zamora), il merluzzo ripieno o la natillas almendradas (crema alle mandorle) sono solo alcuni suggerimenti di un menu vario, basato sui prodotti tipici della Castiglia e León. Tuttavia, se si vogliono conoscere le abitudini del luogo, occorre addentrarsi nella via Herreros, dove servono vino a denominazione di origine (DO) Toro (a bicchiere) accompagnato da una loncha de tocino (fetta di pancetta) o carne de cerdo frita (carne di maiale fritta), offerti come tapas (aperitivi tradizionali).

Settimana Santa
L'occasione migliore per visitare Zamora è durante le celebrazioni della Settimana Santa, dichiarata festa di interesse turistico internazionale, oppure in estate, quando i visitatori possono percorrere la città guidati dalle leggende medievali del Romancero, messe in scena agli angoli delle strade, che conferiscono un grande fascino a tutta la città.
La provincia di Zamora vanta interessanti località storiche, incastonate in siti di alto valore paesaggistico e naturale, che è possibile conoscere attraverso alcuni degli itinerari più noti di questa regione. La Via dell'Argento, che unisce Siviglia ad Oviedo, attraversa questi luoghi dai tempi dei romani. Così, si potranno scoprire i tesori conservati a Benavente, Valparaíso o La Hiniesta. L'altro importante cammino che attraversa queste terre è la Ribera del Duero. In questo scenario si incontreranno numerosi castelli, dato che nel X secolo questa zona fu frontiera con il mondo musulmano.
Toro, ricoperto da vigneti, e Arribes del Duero sono altri punti di grande interesse. Gli amanti degli spazi naturali hanno la possibilità di visitare il parco nazionale del lago di Sanabria dove, tra bei paesaggi montani, si trova il più grande lago della Spagna. Presso il Centro di interpretazione è possibile ottenere informazioni sugli itinerari migliori per conoscere la zona.

Chiudi




Da non perdere



Mappa/Localizzazione