Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie



Collegiata di Santillana del Mar

Localizzazione

Comunità Autonoma:
Cantabria

Provincia / Isola:
Cantabria

Cantabria

  • x

    Cammino di Santiago, Primo Itinerario Culturale Europeo e Patrimonio Mondiale. Visualizza


Situata nell’itinerario nord del Cammino di Santiago, Santillana del Mar è una deliziosa città medievale sorta attorno alla Collegiata di Santa María. Diverse torri difensive e palazzi in stile rinascimentale rendono Santillana uno dei complessi storici più importanti delle Cantabria.

Leggi tutto

Comunità Autonoma: Cantabria

E tuttavia il maggiore tesoro di questa località della Cantabria si trova nei suoi dintorni: le Grotte di Altamira, conosciute come la Cappella Sistina del Paleolitico e dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Umanità. La gastronomia locale e gli incredibili spazi naturali dei dintorni sono altri motivi di attrazione di questa località dichiarata Monumento Nazionale. La variante nord del Cammino di Santiago passa tradizionalmente da uno dei nuclei medievali meglio conservati della Cantabria: Santillana del Mar. Per raggiungere questa località, i pellegrini che si dirigevano verso Santiago dovevano attraversare le ría del Pas e di San Martín de la Arena. Le origini della cittadina risalgono al secolo VIII, quando cominciò a svilupparsi un villaggio medievale il cui centro era la Chiesa Collegiata di Santa Giuliana, da cui più tardi l’attuale toponimo Santillana del Mar. Il centro di questa località, dichiarata Monumento Nazionale, è ancora la chiesa, considerata una delle maggiori espressioni dell’architettura romanica in Cantabria. Costruita su un antico eremo nel XII secolo, spiccano il suo chiostro con magnifici capitelli istoriati, l’interessante facciata decorata da sculture e il Cristo Pantocratore (immagine incorniciata in una struttura a forma di mandorla). Dalla via di Santo Domingo, strada principale di Santillana, si accede ad un centro storico che è riuscito a sopravvivere al passare del tempo mantenendo un eccellente stato di conservazione. Sui lati delle sue pittoresche rúas (strade) lastricate, sorgono edifici nobiliari costruiti per la maggior parte tra i secoli XIV e XVIII. Sono di epoca medievale la torre di Merino (sec. XIV) e quella di Don Borja (sec. XV), considerati gli edifici civili più antichi della località. E’ anche possibile ammirare imponenti palazzi rinascimentali come quello dei Velarde, e magioni in stile barocco, tra cui spiccano quella dei Valdivieso, quella dei Villa e quella dell’arciduchessa d’Austria. Tuttavia, nonostante la diversità degli stili esistenti, Santillana offre un complesso dall’aspetto omogeneo e armonico. Il Parador di Gil Blas Oltre alle torri di Merino e Don Borja già menzionate, la piazza principale di Santillana accoglie altri edifici di grande valore artistico: la Casa dell’Águila e la Parra, il Palazzo Comunale e il palazzo dei Barreda-Bracho, costruito nel XVII secolo e trasformato in Parador de Turismo. Durante tutta la sua storia questa casa nobiliare è sempre rimasta legata ai membri di questa nobile famiglia. Nel secolo scorso, negli anni venti, il Conte di Güell restaurò l’edificio e lo trasformò in un importante centro culturale e letterario, con rappresentazioni teatrali e corsi estivi. Successivamente, a metà degli anni quaranta, l’edificio entrò a far parte dell’allora incipiente rete di Paradores. Le pietre lavorate, i balconi in ferro battuto e lo scudo araldico presiedono la facciata di questo edificio in tipico stile nobiliare montañés (della Cantabria). Ma se percorrere ogni angolo di Santillana del Mar procura un vero piacere, scoprirne la gastronomia non è da meno. In questa cittadina si possono assaggiare alcuni dei piatti più significativi della varia tradizione culinaria cantabrica, comprese sia le specialità marinare che quelle dell’interno della regione. Da segnalare i cocidos lebaniego e montañés (zuppe di fagioli con carne e verza), il filetto di vitello, il merluzzo su asparagi verdi e il dentice. L’offerta è arricchita dai saporiti formaggi prodotti in tutta la provincia, il bizcocho (pan di Spagna) tipico di Santillana e i sobaos pasiegos (trancini a base di burro, farina e uova) della vicina pianura del fiume Pas. Dintorni L’eccellente posizione di Santillana del Mar consente di realizzare diverse escursioni. A solo 2 chilometri da qui si trovano le Grotte di Altamira, conosciute come la Cappella Sistina del Paleolitico e dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Vicino alle grotte è possibile visitare il Museo di Altamira, un moderno complesso nel quale si può ammirare la neocueva,(neogrotta) replica fedele dei motivi pittorici rappresentati nella grotta originale. Un’altra proposta di Santillana è il suo Zoo che ospita una quantità importante di specie animali diverse. I dintorni di Santillana poi consentono di godere del ricco patrimonio naturale della Cantabria. Il visitatore può recarsi al Parco della Natura di Cabárceno, dove gli animali vivono in condizioni di semilibertà, o fare un’escursione lungo l’itinerario del fiume Cares, all’interno del Parco nazionale dei Picos d’Europa. Per dormire è possibile scegliere il Parador di Fuente Dé che si trova proprio alle pendici di questi rilievi montuosi. Altri spazi protetti della Cantabria sono i Parchi Naturali di Oyambre, Peña Cabarga e Saja-Besaya La costa è un altro motivo di attrazione per chi visita Santillana, perché è possibile godere della pesca e delle magnifiche spiagge di Santa Juliana e Ubiarco. A pochi chilometri ci sono poi altre località della bella costa cantabrica come Suances, situata sull’omonima ría, o Cóbreces che oltre ad una bella spiaggia ha anche un’abbazia cistercense. Infine, Comillas ospita un importante complesso di architettura popolare, tra cui spicca la piazza antica e la chiesa parrocchiale. Tra gli edifici di maggior rilievo si annovera l’Università Pontificia, il Capriccio, opera dell’architetto modernista Antonio Gaudí e il palazzo neogotico di Sobrellano, antica residenza del marchese di Comillas.

Chiudi




Da non perdere



Mappa/Localizzazione