Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie



Palazzo dell'Infantado

Localizzazione

Comunità Autonoma:
Castiglia - La Mancia

Provincia / Isola:
Guadalajara

Guadalajara

Bagnata dal fiume Henares, Guadalajara, capoluogo de La Alcarria, ha una lunga storia legata ai duchi dell’Infantado. Il suo interessante patrimonio storico si distingue per il superbo palazzo dell’Infantado, vero simbolo della città.

Leggi tutto

Le origini di Guadalajara risalgono all’epoca romana, quando viene fondato il primitivo insediamento di Arriaca. È sotto la dominazione araba che la località passa a chiamarsi Wad-al-Hayara (fiume di pietre), toponimo che darà origine alla denominazione attuale. L’importanza come città aumenta nel secolo XII, quando il re Alfonso VII concede un fuero (privilegio) alla città, che viene poi aumentato dai re Fernando III e Alfonso X. L’impronta principale a livello storico è però indubbiamente quella lascaita dalla dinastia dei Mendoza, che verso la metà del sec. XV ottiene il dominio su Guadalajara e per secoli si dedica a renderla sempre più splendida. Dalla ricca storia della città deriva l’importante patrimonio architettonico del centro storico. La zona pedonale della via Mayor è l’ossatura della parte storica della città, con edifici di grande valore storico come quello del Municipio, le le dimore della piazza dei Dávalos oppure l’antico palazzo dei Mendoza, in cui il cortile interno costituisce un eccellente esempio dello stile plateresco. Ma l'edificio civile più importante della città è il palazzo dell’Infantado, considerato il vero simbolo della città. La costruzione dell’edificio, che attualmente è sede del Museo, dell’Archivio Provinciale e della Biblioteca Comunale, venne iniziata da Juan Guas nel 1480, su incarico del secondo duca, Don Íñigo de Mendoza. Magnifica opera di stile isabellino, presenta una magnifica facciata rinascimentale, mentre l'interno è strutturato intorno al patio dei Leoni, con due ampie verande.Guadalajara conserva numerosi esempi di architettura religiosa, come la chiesa gesuita di stile barocco di San Nicolás el Real, che si distingue per la pala d’altare e un sepolcro di alabastro del XV secolo; la chiesa di Santiago (XIV sec.), tempio gotico-mudéjar, con interessanti cappelle e facciata barocca, e la concattedrale di Santa María la Mayor, costruita e ristrutturata nel secolo XVII sulla base di un’antica moschea di stile mudéjar. Altri tempi da ricordare sono la Cappella della Piedad e le chiese di Nuestra Señora la Antigua, San Ginés e di Los Remedios.Gastronomia e dintorniSi può approfittare di uno dei tanti locali tipici di Guadalajara per assaggiare l’agnello o il capretto arrosto, due delle specialità gastronomiche più rappresentative della provincia. Altri piatti tipici sono le trote, i granchi di fiume e i prodotti della lavorazione del maiale, senza dimenticare il morteruelo serrano (pasta da spalmare sul pane). Il miele di La Alcarria possiede Denominazione di Origine propria.Guadalajara è la capitale del territorio di La Alcarria, immortalato in diverse opere letterarie e che conta con diverse località dall’interessante patrimonio artistico. Il castello di Torija ospita un museo etnografico dedicato a La Alcarria; Hita, con la bella piazza principale porticata, è inoltre famosa per essere la città natale di Juan Ruiz el Arcipreste, uno degli autori spagnoli più importanti del Medioevo. Vicino a questa località troviamo Jadraque, il cui tracciato urbano si stende ai piedi di un imponente castello, e Cogolludo, con il suo Palazzo Ducale. Nella parte nordoccidentale della provincia ricordiamo Sigüenza, località dichiarata Complesso Storico-Artistico. Tradizionale sede vescovile, è dominata dal castello medievale del secolo XII, oggi trasformato in Parador de Turismo. Un altro monumento di interesse è la Cattedrale (XII sec.), di stile gotico, con elementi romanici, che ospita in una delle cappelle la famosa statua del Doncel de Sigüenza.Atienza, da dove si dirama La Serranía, ha avuto un ruolo di primo piano durante il Medioevo.. Il tracciato urbano è dominato dalla chiesa di Santa María del Rey e dal castello. Ricordiamo inoltre la piazza del Trigo, una delle più belle della provincia.Una delle aree naturali protette più importanti della Castiglia-La Mancha è il Parco Naturale della Faggeta di Tejera Negra, situato all’estremità nord-occidentale della provincia. Alle porte del parco troviamo Majaelrayo, piccola località che forma parte dell’itinerario dell’Architettura Nera, famosa per i paesini tipici con le case di pietra e i tetti di ardesia.

Chiudi




Da non perdere



Mappa/Localizzazione