Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di utente. La navigazione ne comporta laccettazione. Per ottenere ulteriori informazioni o per sapere come modificare la configurazione, ti invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie



Basilica di Nuestra Señora del Pilar

Localizzazione

Comunità Autonoma:
Aragona

Provincia / Isola:
Saragozza

Zaragoza

Visitate Saragozza, una delle principali città della Spagna. Il capoluogo dell’Aragona sorge sulle rive del fiume Ebro, a metà strada tra Madrid e Barcellona. Ci sono numerosi motivi per scoprire questa città aperta e ospitale. Prendete nota.

Leggi tutto

2000 anni di storia.L'impressionante patrimonio monumentale disseminato per le strade è retaggio di romani, musulmani, ebrei e cristiani, che qui hanno lasciato la loro impronta: vestigia romane come il Circo, il palazzo dell'Aljafería, chiese in stile mudejar iscritte nell'elenco del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, gioielli del barocco come la Basilica del Pilar, l'opera geniale di Francisco de Goya, ma anche il moderno spazio espositivo dell'Expo 2008. Se amate l'arte, Saragozza è la meta perfetta per voi.

Tempo libero: varietà di proposte. Teatri, cinema, esposizioni, concerti, festival, fiere... Saragozza offre un'agenda spettacolare durante tutto l'anno. La vita culturale è molto intensa. Si può toccare con mano per le strade, o sui palcoscenici dell'Auditorium, del Teatro Principal e del Palazzo dei Congressi d'Aragona. In questa città trovano rappresentazione tutte le tendenze artistiche.

Gastronomia deliziosa.Assaggiate i piatti tipici della regione e partecipate a una delle grandi tradizioni della città: la degustazione di tapas, piccole creazioni gastronomiche per deliziare il palato dei visitatori.

Una città ideale per lo shopping.Saragozza dispone di un'ampia offerta commerciale, in grado di soddisfare tutti i gusti: dalle zone pedonali ai grandi centri commerciali, senza tralasciare i mercatini all'aperto. Una passeggiata per le sue strade consente di apprezzarne la vivacità e la vitalità.

Vita notturna.Vivere la notte di Saragozza. Bar, discoteche, pub e locali all'aperto restano aperti fino alle prime luci dell'alba. Il divertimento è garantito in una città dove le notti sono ricche di fascino durante tutto l'anno: potrete verificarlo di persona, visitando le zone della vita notturna. Sarà poi difficile farne a meno.

Spirito festivo.Saragozza è una città sempre pronta a far festa. Ne è un esempio la tradizionale Settimana Santa, con processioni che attraggono più di centomila visitatori ogni anno, ma la festa che supera tutte le altre è quella del Pilar, nel mese di ottobre. Un invito a partecipare a eventi che riempiono le strade di allegria e movimento: corse di vitelle nell'arena, concerti, sport, processioni religiose, folklore regionale...

Il lusso della passeggiata.Passeggiare per Saragozza è una vera tradizione, un lusso alla portata di tutti. Indossate abiti comodi e percorretene le strade, a breve distanza l'una dall'altra, mentre i viali alberati, le ampie vie e le zone pedonali sono un continuo invito a passeggiare. Questo è oltretutto il modo migliore per ammirarne il patrimonio monumentale.

Itinerari ed escursioni nei dintorni.Vale la pena di scoprire i dintorni di Saragozza, ricchi di paesaggi, paesi, stabilimenti termali, itinerari culturali e natura: da Fuendetodos, paese natale del geniale pittore Francisco de Goya, a Calatayud, dove si trova l'oasi naturale del Monastero di Piedra. Oppure potrete seguire l'itinerario del Moncayo, il rilievo principale della provincia, a pochi chilometri da Tarazona, città mudejar ricca d'arte. Si consiglia anche di visitare la zona di Cinco Villas, dall'aspetto medievale. Queste sono alcune delle possibili escursioni, a meno di un'ora e mezzo di viaggio, che non mancheranno di sorprendervi.

Chiudi




Da non perdere



Mappa/Localizzazione



Saragozza Per te

Culturale

Una passeggiata per Saragozza

Passeggiare per le strade di Saragozza rappresenta il modo migliore per scoprirne il complesso monumentale. Riuscirete così ad ammirare la ricchezza dei suoi 2000 anni di storia.

Le mura, le chiese, le basiliche, i palazzi, le dimore signorili e le piazzette del centro storico sono il riflesso del susseguirsi di diverse civiltà.

Romani, musulmani, ebrei e cristiani hanno lasciato un retaggio culturale che ancora oggi è possibile ammirare. Vi sono monumenti e luoghi di visita obbligata. Dimenticatevi quindi dell'orologio e portate la macchina fotografica. Vi raccomandiamo di programmare il vostro soggiorno in funzione del tempo disponibile. In ogni caso prendete nota delle nostre proposte per sfruttare al massimo una giornata a Saragozza.

Si può iniziare da piazza del Pilar, vicino al fiume Ebro. Qui si trovano tre degli edifici più emblematici della città: la basilica del Pilar, una chiesa che è il simbolo universale di Saragozza, l’edificio della Borsa, la costruzione civile più importante del XVI secolo in Aragona, che nel corso dell'anno ospita numerose esposizioni, e la cattedrale di San Salvador (La Seo), che rappresenta il complesso più significativo e prezioso della regione, e che compendia tendenze artistiche medievali, rinascimentali e barocche. Non tralasciate il muro esterno della Parroquieta, che si trova su un fianco della cattedrale ed è il capolavoro mudejar di Saragozza.

Prima di mangiare, fate una visita al museo del Teatro di Caesaraugusta, che dista pochi minuti a piedi. Potrete vedere come si presentava l'edificio più monumentale e popolare della città romana. Sono molte le testimonianze del passato imperiale di Saragozza, come dimostrano le mura, il foro, il porto fluviale e le terme pubbliche, con i rispettivi musei.

Per recuperare le forze, niente di meglio che assaporare alcune delle delizie gastronomiche della terra, in uno dei numerosi ristoranti del centro. Quindi si può ripartire con una visita al Parco Metropolitano dell’Acqua, grande spazio ricreativo e polmone verde della città, un vero e proprio museo all'aperto. Eredità dell’Expo 2008, propone numerose alternative ludico-sportive e culturali: passeggiate lungo i suoi viali e godetevi i Giardini Acquatici, il campo da golf, la spiaggia fluviale, il teatro Arbolé… Il Parco Grande è invece un giardino di tipo più classico, con ampi viali dove potrete scoprire monumenti come quello dedicato ad Alfonso I il Battagliero o angoli suggestivi come l’orto botanico.

Leggi tutto

A metà pomeriggio, vi aspetta il palazzo della Aljafería. Non perdete questo tesoro arabo, la costruzione civile più importante dell'XI secolo nell'occidente islamico, con angoli sorprendenti e suggestivi come il patio di Santa Isabel o quello di San Martín, o tesori come il soffitto artesonado policromo del Salone del Trono. Per concludere la giornata, suggeriamo di ritornare al centro città e visitare il Patio de la Infanta, un gioiello architettonico del XVI secolo con varie opere del Goya. E se vi interessa l’arte di questo grande artista, potrete visitare il Museo Ibercaja Camón Aznar (MICAZ), allestito nel palazzo rinascimentale dei Pardo, dove in una delle sale sono esposte le quattro grandi serie di incisioni di Goya. Tuttavia, resta ancora molto da vedere, a Saragozza. Per questo, sarebbe meglio prolungare di due o tre giorni il soggiorno. È questa, senza dubbio, la maniera migliore per conoscere a fondo tutto ciò che offre questa città. Vi consigliamo di rivolgervi a qualsiasi ufficio del turismo, dove vi aiuteranno a pianificare la vostra visita. Qui di seguito, si presentano i monumenti di maggiore interesse del capoluogo d'Aragona.  

Chiudi


Attiva

Numerose possibilità nei dintorni del fiume Ebro e dei Pirenei

Il fiume Ebro e le sue rive sono il grande spazio ecologico di Saragozza. Basta fare una passeggiata nella zona del fiume per accorgersi della sua importanza nella storia della città.

Tra i numerosi punti di interesse sul fiume Ebro, al suo passaggio dal capoluogo dell’Aragona, spicca il Parco dell’Acqua, nel meandro di Ranillas. Si tratta di circa 120 ettari che si estendono nei pressi dell’area dell’Esposizione Internazionale e offrono zone verdi, servizi, attività ludiche e sportive, e un campo da golf. Inoltre è la meta principale del “Bizi Tour”, una visita guidata in bicicletta lungo le rive del fiume Ebro, sottoposte a un intervento di rinnovamento proprio in questi ultimi anni.

Potrete anche visitare il Galacho de Juslibol, uno spazio protetto a meno di cinque chilometri dal centro della città. Non perdetevi questo luogo così singolare, di grande valore paesaggistico, ecologico e culturale. Vale la pena di visitare anche il Galacho de la Alfranca, rifugio di piccole anadi, popolato da pioppi bianchi e neri e da salici, che potrete raggiungere prendendo il treno turistico che parte dalla presa dell’Ebro.

Un altro itinerario consigliabile è quello del Canale Imperiale dell’Aragona, un’importante opera di ingegneria, terminata nel XVIII secolo, che inizialmente doveva mettere in comunicazione il mar Cantabrico con il mar Mediterraneo attraverso un grande bacino navigabile. Il canale, lungo 150 chilometri, attraversa Saragozza. Vale la pena di visitarne l’ambiente naturale e le rive ricoperte di vegetazione, dove vivono diverse specie animali. Il Canale Imperiale passa vicino al grande polmone verde della città: il parco Primo de Rivera. Addentratevi nella grande area di svago degli abitanti di Saragozza, uno splendido spazio con sentieri, viali con fontane e giardini che si è trasformato in un grande museo all’aperto. Qui si trova la statua del re Alfonso I il Battagliero, uno dei monumenti più spettacolari. E vi consigliamo anche di visitare l’Orto Botanico, situato al suo interno.


Leggi tutto

Zaragoza activa

Piste da sci a un’ora e mezza di distanza Nel capoluogo dell’Aragona potrete trovare le strutture e gli impianti per praticare il vostro sport preferito, qualsiasi esso sia. La città dispone di molte strutture e palazzetti dello sport municipali. L’elenco delle possibilità è lungo. Il fiume Ebro è uno scenario ideale per praticare la pesca e il canottaggio. In diversi bacini artificiali potete praticare inoltre attività nautiche come vela, windsurf, motonautica o sci acquatico. Vi consigliamo di recarvi al bacino del Mequinenza, noto come il Mare dell’Aragona, a poco più di 100 chilometri da Saragozza. Questo ampio tratto dell’Ebro è il luogo ideale per praticare la pesca. Specie come il persico trota, il pesce persico e il pesce siluro richiamano ogni anno migliaia d’appassionati da tutto il mondo. Potrete anche giocare a golf in uno dei campi che si trovano a Saragozza. Oltre alle 18 buche di La Peñaza e il Real Aeroclub, nella zona dell’Expo Zaragoza 2008 avrete a disposizione il Ranillas Urban Golf, con un tracciato di 9 buche, putting green e campo di allenamento. A poco più di un’ora e mezza in macchina potete raggiungere gli impianti sciistici di Formigal e Panticosa, nei Pirenei. Se lo desiderate, potete andare e tornare in giornata: esistono autobus che realizzano il tragitto tutti i giorni. Praticate il vostro sport preferito in impianti eccellenti. I Pirenei, inoltre, sono l’ambiente ideale per praticare alpinismo, scalata e sport d’avventura (parapendio, deltaplano, torrentismo e canyoning nella Sierra di Guara, speleologia, caccia ecc.). C'è solo l'imbarazzo della scelta.

Chiudi


Gastronomica

Sapori della terra e prezzi adatti a tutte le tasche

A Saragozza la gastronomia è un’arte. Per questo, vi assicuriamo che mangerete e berrete più che bene. L’offerta è vasta: ristoranti, cantine e bar, dai più semplici e caserecci ai più lussuosi ed esotici, con influenze asiatiche.

Tocca a voi scegliere. A Saragozza troverete una gastronomia varia, con prezzi accessibili a tutti. Per 6 € potrete gustare un menu in una delle taverne del centro storico. E per 30 o 40 € vi aspettano nuove creazioni basate sulla fusione d’aromi e sapori provenienti da diverse cucine.

Non potrete lasciare Saragozza senza aver assaggiato le tipiche tapas. Il posto migliore è il centro: la piazza di San Miguel e le strade circostanti, l’antico Tubo, piazza Santa Marta, piazza Santa Cruz e quelle adiacenti, o i vicoletti attorno a viale Independencia, come Cinco de Marzo e Cádiz, o piazza del Carmen. Ad ogni modo, queste non sono le uniche zone. Fatevi consigliare e non ve ne pentirete. Spendendo davvero poco potrete assaggiare vere e proprie delizie in miniatura.

Molte tapas, così come diverse pietanze, sono elaborate con i prodotti della terra: ortaggi e frutta dei campi della valle dell'Ebro, prosciutto di Teruel, agnellino da latte dell'Aragona, olio d'oliva extravergine e vini con Denominazione d'Origine (Cariñena, Campo de Borja, Calatayud e Somontano)... Sono assolutamente da assaggiare piatti tipici come le migas (mollica di pane fritta), il pollo al chilindrón (con una salsa di pomodoro e peperoni), l’agnellino al forno, il riso in umido con borragine e vongole, o le zampette di maiale ripiene di funghi.

E non dimenticate i bar all’aperto. Quando il tempo accompagna, a partire dalla primavera e dopo il tramonto, le strade di Saragozza si riempiono di tavolini e sedie, e la gente s’incontra nei bar all'aperto per bere qualcosa di fresco in compagnia degli amici. Basta andare a viale Independencia, piazza San Francisco, viale Sagasta o il parco Primo de Rivera, che d’estate ospita spettacoli dal vivo, per rendersene conto.


Per i giovani

Giovani

Divertimento e attività culturali tutto l’anno

Divertimento a tutti i livelli: vita notturna, festival, concerti, esposizioni, attività sportive... I giovani sono una parte attiva nell'agenda e nella vita di Saragozza.

La città offre ai più giovani numerose alternative di svago e intrattenimento. L’elenco è lungo e qualsiasi epoca dell’anno è ricca di proposte. Da programmi di sostegno alla musica dal vivo, a numerosi festival musicali, ma anche concorsi di creatività, cicli cinematografici e di teatro… E nelle notti primaverili ed estive il programma comunale “12 lune” propone diverse alternative per organizzare le notti del fine settimana: laboratori di attività, sport vari, svago cibernetico, giochi, club della lettura…

Non dimenticate che si organizzano anche visite della città animate da attori, per far conoscere la storia di Saragozza a un pubblico di giovani e bambini. Vi proponiamo un viaggio nel tempo dove incontrerete romani, stelle del cinema, personaggi creati da Goya… Scopritelo attraverso un percorso per il centro storico.

Ma è durante la festa del Pilar, nel mese di ottobre, che i giovani sono i protagonisti assoluti. Sono giorni di svago e allegria, musica, concorsi, divertimento senza limiti, corse di vitelle nell’arena, festival e colore, grazie alla partecipazione della gente e in particolare delle peñas, gruppi di amici che riempiono di festa e buonumore le strade di Saragozza.

Ma non potrete lasciare il capoluogo dell’Aragona senza prima averne vissuto l’impressionante vita notturna. A partire dal giovedì sera Saragozza si fa bella e i bar, i pub e le discoteche della città aprono le loro porte a tutti. Esistono varie zone per uscire la sera, con diverse proposte a seconda del tipo di pubblico: El Rollo - Moncasi, Università - Tomás Bretón, La Paz, León XIII, El Casco, Zuma, La Magdalena e l’ACTUR, con locali di musica rock, pop, jazz, salsa, house, techno… A cui si aggiunge la parte ristrutturata vicino alla riva dell’Ebro, nei pressi dell’area dell’Expo 2008.


Con bambini

I piccoli, grandi protagonisti di feste ed eventi

Uno dei modi più divertenti e originali di scoprire Saragozza durante gran parte dell'anno è a bordo del MegaBus, un autobus turistico infantile che percorre i luoghi e i monumenti più emblematici di Saragozza.

Montate su questo veicolo e vedrete come una simpatica regista cinematografica illustrerà ai ragazzi, in modo semplice e ameno, le chiavi per conoscere la città mentre cerca location per il suo nuovo film. Questo servizio d’autobus è gratuito per i bambini al di sotto dei cinque anni e i biglietti si possono acquistare sullo stesso autobus o, in anticipo, presso gli uffici del turismo di Saragozza. La visita prosegue nei dintorni di piazza del Pilar, dove la regista richiederà la partecipazione del pubblico per girare le prime scene.

A Saragozza i bambini sono i protagonisti della maggior parte delle feste, degli eventi e dei festival che si svolgono durante l’anno. Il periodo ideale per visitare la città è a ottobre, il mese della Festa del Pilar. Passeggiare per le strade e i parchi che sono scenario di sfilate in maschera, giochi e parate per i più piccoli, è sempre la scelta migliore. Spettacoli di magia, circo, danza, pagliacci e marionette animano luoghi come il Parco Delicias e numerose vie del centro. Da non perdere i Giganti e Testoni che rincorrono i ragazzi ovunque, ma potrete anche recarvi a piazza San Bruno per assistere a esibizioni di pagliacci e mimi.

Altri appuntamenti annuali sono la Sfilata dei Re Magi (5 gennaio), i fantasiosi spettacoli per bambini organizzati in occasione della festa di San Valero, patrono di Saragozza (29 gennaio), il Carnevale infantile (a fine febbraio), con teatro e feste in strada, e le rappresentazioni teatrali e le attività estive nei parchi.

Leggi tutto

A Saragozza con i bambini

 Inoltre, se lo desiderate, potete visitare il Parco Primo de Rivera, il grande spazio verde della città, con il trenino Tren Chú-Chú: un modo divertente per visitare giardini e viali.

E per concludere in modo degno e divertente il vostro soggiorno potete trascorrere alcune ore nel Parco di Divertimenti. Venite a visitarlo, è aperto da marzo a ottobre. Un luogo che accoglie ogni anno migliaia di persone, dove non mancano attrazioni come le montagne russe, la ruota panoramica, la casa delle streghe e altre molto più moderne e innovative

Chiudi


Shopping

Una grande città con vocazione commerciale

Mercatini all’aperto, negozi di artigianato, ceramica e souvenir, centri commerciali e stabilimenti di ogni tipo dove trovare moda, accessori, marchi di prima qualità... Saragozza è una grande città per lo shopping.

Nel capoluogo dell’Aragona la modernità si fonde con la tradizione, le ultime tendenze con i prodotti più tipici. Le principali aree commerciali si concentrano nella zona del centro, le vie Don Jaime I e Alfonso I, e i dintorni. Si tratta di spazi urbani attraenti, con numerose strade pedonali piene di hotel, bar, ristoranti e negozi di ogni genere. Ci sono poi moderni centri commerciali e grandi superfici che offrono articoli e prodotti di tutti i tipi, sia in centro (Independencia, Puerta Cinegia) che in zone più periferiche (Puerto Venecia, Augusta, Grancasa, piazza Imperial...). Anche se non sono le uniche zone commerciali della città.

Altri dati utili

Orari: la maggior parte dei negozi e centri commerciali fa orario continuato dalle 10.00 alle 20.30 o 21.30. I negozi tradizionali aprono dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 20.30.
Saldi: in genere iniziano la prima settimana di gennaio fino alla fine di febbraio per la stagione invernale, e dal 1 luglio fino alla fine di agosto per la stagione estiva.
Modalità di pagamento: il metodo più diffuso è in contanti o con carta di credito, sempre mostrando il passaporto o un documento d’identità.
Tax Free: i cittadini di stati non membri dell’Unione Europea hanno diritto al rimborso dell’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) per acquisti con importo superiore a 90,15 €.  


Per gli affari

Un luogo d’incontro

Saragozza dispone di numerose strutture per l’organizzazione di congressi e riunioni di lavoro. La città è stata profondamente trasformata in occasione della celebrazione dell’Esposizione Internazionale del 2008.

Saragozza, capoluogo della regione dell’Aragona, si trova quasi alla stessa distanza da Madrid, Barcellona, Bilbao e Valencia. La città è perfettamente collegata con diversi punti della Spagna e dell’Europa grazie alla linea ferroviaria d’alta velocità (AVE), all’aeroporto internazionale e alle superstrade e autostrade. Con una storia di 2000 anni, Saragozza offre un’importante agenda culturale e per il tempo libero in qualsiasi epoca dell'anno. Se amate la natura e lo sport, siete fortunati, perché in pochi chilometri si possono organizzare varie escursioni, soprattutto nella zona del fiume Ebro e sui Pirenei, a poco più di un’ora e mezza di distanza in macchina.

In occasione dell’Esposizione Internazionale del 2008, dedicata all’acqua e allo sviluppo sostenibile, la città di Saragozza è stata profondamente trasformata ed è stata dotata di nuove infrastrutture, punti d’accesso ed edifici, come il nuovo Palazzo dei Congressi.