Parco Nazionale di Doñana

Un piccolo continente

Spagna: un paese con una grande ricchezza paesaggistica e geografica molto diversificata.

Dal punto di vista geografico la Spagna è divisa in territori molto diversi. L’altitudine media è elevata, circa 660 metri, vale a dire il doppio della media europea; le sue vette più alte sono il Teide (3718 m) nell’isola di Tenerife, il Mulhacén (3478 m) a Granada e l’Aneto (3404 m) sui Pirenei. Le coste presentano caratteristiche molto varie perché appartengono a sistemi climatici differenti e sono bagnate da diversi mari e oceani. La struttura generale della Penisola si potrebbe descrivere nel seguente modo. Un grande altopiano centrale (la Meseta castigliana) scaglionata in due sub-meseta (nord e sud) e interrotta dai sistemi montuosi Centrale e dei Monti di Toledo. Questa meseta, nella sua parte più periferica, è circondata da altre strutture montuose: il massiccio Galaico, la cordigliera Cantabrica, il sistema Iberico e la Sierra Morena. Tre sistemi esterni completano la struttura montuosa della penisola: sono le cordigliere Pirenaica, Betica e Catalana. Per quanto riguarda le Isole Canarie sono la regione con maggiore estensione di coste (1546 km) ed il loro territorio sorge su accumuli vulcanici. Le Baleari d’altra parte possiedono un vario sistema di rilievi tra cui spiccano la Sierra di Tramuntana di Maiorca, le terre basse dell’isola di Minorca – che non superano i 300 metri di altitudine, salvo El Toro (357 m) – ed i rilievi poco pronunciati di Ibiza che raggiungono le massime altezze con Sa Talaiassa (475 m) e il Puig Gros (415 m).